#AutobusDiRoma - Autodromo Alè: gli agili minibus!



#AutobusDiRoma - Terza puntata: oggi parliamo di alcuni minibus che effettuano il servizio sulle linee che attraversano strade molto strette; gli Autodromo Alè!


Gli Autodromo Alè, fabbricati dalla Autodromo di Modena, sono stati costruiti tra gli anni 2002/2003. Inizialmente erano due diverse serie; la prima a 2 porte (1721-1799) e la seconda a 3 porte (7401-7426).



Alcuni mezzi facenti parte della prima serie sono ancora circolanti, mentre quelli della seconda sono stati sin dall'inizio di proprietà della Sita-ATI, predecessore della Roma Tpl ed in seguito radiati dal consorzio con l'arrivo dei nuovi minibus tra il 2011 ed il 2015.

I mezzi della prima serie viaggiano a diesel con un motore Euro 3 ed hanno percorso più di un milione di chilometri.


I mezzi, lunghi 7.5 metri, possono ospitare a bordo fino a 42 persone. Originariamente erano 79 bus, ma ad oggi ne circolano solo 15. 


Le vetture andate flambè sono 5 ed inoltre una cinquantina sono ferme nei depositi per fungere da pezzi di ricambio. Atac ha avuto in gestione solo 47 bus della flotta. I restanti sono sempre stati di proprietà di Sita-ATI.


Questi mezzi sono dotati di impianto per l'aria condizionata e possono trasportare anche un disabile, che può salire a bordo grazie ad una pedana elettrica. 

Si presentano nella livrea originaria grigio-rossa oppure in livrea interamente grigia con una fascia rossa sotto ai finestrini. 

Queste vetture sono assegnate alle linee in capo alle rimesse di Grottarossa e Magliana.

Gli Autodromo Alè sono molto agili nelle vie strette e sono ideali per brevi percorsi con molte fermate. 

Il tasto dolente di questi mezzi è sicuramente l'eccessiva rumorosità ed il fatto che, essendo la prima porta ad unica anta, nella parte anteriore il corridoio troppo stretto.


Autore: Tpl Roma, per Odissea Quotidiana#AutobusDiRoma è una rubrica che serve a spiegare su quali autobus saliamo ogni giorno!







Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti