Sì alla nuova Termini-Centocelle-Tor Vergata: sulla linea G c'è l'intesa con il Governo

La conferenza unificata Stato-Regioni, presieduta dal Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Boccia, ha esaminato e approvato i report e i verbali delle sedute dell’8 aprile 2020 e del 7 maggio 2020





Tra i vari punti sui quali si è sancita l’intesa c’è il numero 8, che riportiamo integralmente:  «intesa, ai sensi dell’articolo 1, comma 140, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, sullo schema di decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e della Sentenza della Corte Costituzionale 7 marzo 2018, n. 74, recante il riparto delle risorse di cui all’art. 1, comma 1072, della Legge 27 dicembre 2017, n. 205, ed utilizzo delle risorse del Fondo di cui all’art. 1, comma 95, della Legge n. 145/2018 destinate al trasporto rapido di massa: assegnazione contributo per la realizzazione dell’intervento “Linea Termini-Giardinetti-Tor Vergata (linea tramviaria) – Soluzione a scartamento ordinario”». 
Fonte: Conferenza Stato-Regioni

Si tratta certamente di un altro piccolo, ma fondamentale passo in avanti per il procedimento in corso di finanziamento. 

Con l’accordo delle altre Regioni viene fugata la possibilità di ricorsi, che avrebbero potuto stoppare l’erogazione dei fondi 


Passo in avanti verso la nuova linea G della Capitale, ovvero la tranvia che da Termini condurrà a Tor Vergata andando a riqualificare ed utilizzare l'attuale Termini Centocelle. E' stato infatti raggiunto giovedì un'intesa all'interno della conferenza Stato Regioni. 

Un accordo che prevede l'assegnazione dei fondi e che, per potersi trasformare in qualcosa di cantieri, ha bisogno di un decreto del Governo per rendere effettivi i 213 milioni di euro.

Prima però la tratta, come da accordi, dovrebbe passare dalla Regione al Comune. 

Il progetto


Dalle 20 fermate del tracciato storico, da Laziali a Giardinetti, anche se da ormai cinque anni si ferma a Centocelle, si passerà a 29. Il capolinea arriverà a Termini, non molto distante da piazza dei Cinquecento, sempre su via Giolitti, che quindi verrà riorganizzata, soprattutto per quanto riguarda la sosta. 

Le altre otto fermate si aggiungeranno dopo Giardinetti quando il tram girerà per raggiungere Tor Vergata dove sorgono il Policlinico e la zona universitaria. 

Alcune fermate verranno ricollocate. In particolare quelle tra Centocelle e Giardinetti, dove la metro C corre parallela alla via Casilina e quindi al tracciato della ferrovia. 

Esulta la sindaca Virginia Raggi 


Soddisfatta la prima cittadina che affida a facebook i suoi pensieri: "Solo il mese scorso avevamo consegnato al ministero delle Infrastrutture il progetto con le modifiche richieste: un lavoro completato grazie all’impegno degli uffici di Roma Capitale e delle sue aziende partecipate che hanno lavorato senza sosta anche durante la fase di emergenza. 

La linea ferroviaria esistente sarà quindi riqualificata, potenziata e prolungata: da una parte verso la stazione Termini e dall’altra verso il Campus Universitario e  il Policlinico di Tor Vergata. Sarà un’infrastruttura importante per chi deve raggiungere il Policlinico, l’ateneo e le aree commerciali della zona. Oggi più che mai progetti come questo sono fondamentali per migliorare i collegamenti nella nostra città e ripartire, riducendo le distanze tra centro e periferia".

L'assessore Calabrese 


"Ora potremo aprire la Conferenza dei servizi sul preliminare", spiega l'assessore alla Mobilità Pietro Calabrese, "e procedere con il progetto definitivo. Ricordo che l’intervento riguarda sia la riqualificazione della linea ferroviaria Laziali-Giardinetti, il cui armamento verrà sostituito, sia il prolungamento a Termini e Tor Vergata". 

Calabrese parla poi del non ancora avvenuto passaggio dell'infrastruttura al Comune di Roma, confermando come i fondi siano subordinati a tale trasferimento: "A ottobre 2019, la Regione Lazio ha avviato le pratiche per la trasformazione in tranvia e la cessione dell’infrastruttura a Roma Capitale. 

Ci adopereremo perché gli atti vengano conclusi il prima possibile, tenuto anche conto che l’impegno dei fondi è subordinato a tale iter. Già dai prossimi giorni avvieremo un nuovo tavolo di lavoro con gli uffici e gli enti preposti per velocizzare il percorso". 

Secondo Enrico Stefàno, presidente della commissione trasporti, "si tratta di "un'opera strategica, in quanto abbiamo previsto da una parte l’arrivo alla Stazione Termini e dall'altra il prolungamento verso l’università di Tor Vergata, il Policlinico, l’Agenzia Spaziale Italiana, in una prima fase e, successivamente, verso la Banca d’Italia e l’uscita della A1 Torrenova, garantendo così un collegamento efficace tra il Policlinico Casilino e il Policlinico Tor Vergata, a vantaggio di lavoratori, studenti e utenti degli ospedali". 





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format