Atac: I nuovi bus a noleggio non possono essere immatricolati?

I nuovi bus a noleggio non possono essere immatricolati?


Sarà vero? I 70 bus presi a noleggio da Atac sono ancora fermi e non possono essere immatricolati a causa di direttive comunitarie che vieterebbero l'immatricolazione dei mezzi Euro 5. Annunciata a breve un'interrogazione a Sindaco ed Assessore - Aggiornamento ore 18.00: Atac implicitamente conferma la notizia



I 70 bus presi a noleggio da Atac dopo 10 anni di onorato servizio a Tel Aviv, in Israele, annunciati dalla sindaca Virginia Raggi, sono bloccati nei depositi di Salerno e di Roma e rischierebbero di non poter mai entrare in servizio. 

Il motivo? 

Per i veicoli, datati 2008, all'arrivo in Europa e scattata la procedura di reimmatricolazione: essendo Euro 5 e non Euro 6, pero, non e possibile avviare una nuova immatricolazione perché violerebbe le direttive comunitarie. 

Un danno per la città di Roma e per l'Atac, che ha già versato ai fornitori un anticipo pari al 16% dell'importo (il costo per il nolo, manutenzione compresa, e di circa 500mila euro al mese). 


Un assaggio dei nuovi bus
a noleggio di Atac
A denunciarlo all'agenzia Dire e la consigliera del Pd in Campidoglio, Ilaria Piccolo, che sta predisponendo un'interrogazione urgente alla sindaca Raggi e all'assessore alla Mobilita di Roma Capitale, Linda Meleo.   

"I 70 bus usati da Tel Aviv, datati 2008 e presi da Atac in affitto, secondo quanto abbiamo appreso, sono bloccati nei depositi di Salerno e Roma e non entreranno mai in servizio, perché non possono essere immatricolati visto che sono Euro 5 e non Euro 6 - ha spiegato Piccolo

Sono in corso incontri con la Motorizzazione, ma il Campidoglio ha già pagato ai fornitori il 16% dell'importo, che e pari a circa 500mila euro al mese.Raggi e Meleo vengano in Aula a spiegare quello che si prefigura come l'ennesimo danno perpetrato nei confronti di Roma e dei suoi cittadini"

Da Agenzia Dire

Ore 18.00 L'affare si complica: Uscito un comunicato #ATAC che conferma implicitamente. A questo punto crediamo che il noleggiatore farà modifica dei bus in retrofit allo standard Euro6, e poi immatricolazione dei bus






Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Cioè, io dico una cosa: si tratta di autobus comunque Euro 5, certo non dei Fiat 421 degli anni settanta. E che diamine, ma uno straccio di deroga non si potrebbe ottenere? In fondo circolano autobus Euro 3, come i Cityclass Cursor, che sono ancora il grosso del parco ATAC da 12 metri (parlo di quelli a gasolio, non dei CNG, ovviamente), e non si possono immatricolare mezzi Euro 5? Poi, un'altra cosa: ma quando sono stati scelti questi mezzi, i responsabili della scelta, prima di ordinarli, perchè non hanno verificato la possibilità concreta, sotto tutti gli aspetti normativi e quant'altro, di poterli effettivamente reimmatricolare per farli circolare a Roma?