RomaTPL ancora non paga gli stipendi. Comune silente, Sindacati all’attacco


Incassato il via libera al concordato preventivo di Atac da parte della maggioranza dei creditori (circa il 50%), l’Amministrazione Comunale ora potrà, finalmente, tornare a occuparsi dei 1000 lavoratori della RomaTPL, ancora fermi al palo, in attesa di ricevere la busta paga relativa a dicembre. Che doveva essere erogata, nel rispetto del Contratto Nazionale, entro il 31 passato.


C’è da dire che stavolta la vertenza sia, considerati gli sviluppi degli ultimi mesi, più complessa di quanto si possa immaginare, se letta con piglio oggettivo nella sua complessità. 

Poiché si inserisce nel complicato Risiko del trasporto pubblico locale romano, dove si gioca una partita da un miliardo di euro, tra il salvataggio dell’Azienda Capitolina e l’affidamento dei 30milioni di chilometri delle linee periferiche, e dove è necessario mantenere saldi gli equilibri.

Può sembrare ardito l’accostamento delle cose, ma non va dimenticato che la RomaTPL è uno dei principali debitori di Atac, insieme al Consorzio Metrebus (FS e Cotral), pertanto vien facile pensare che, in questa ottica, il Comune abbia, nella fase antecedente all’approvazione del concordato, allentato la presa al fine di avere nell’Assemblea dei creditori pure il consenso del secondo gestore di TPL a Roma. 

Che, paradossalmente, malgrado le sue lacune, tiene ancora in mano il banco.

Ma nelle supposizioni, ipotesi o semplice equazione di un puzzle macchinoso, emerge, prepotentemente, il dramma che stanno di nuovo vivendo gli autisti, ausiliari e amministrativi di quella Società.

Che oltre a subire questo, lamentano da tempo i metodi repressivi che sarebbero stati adottati dal Capo del Movimento dall’inizio del suo mandato, circa un anno fa, in RomaTPL e in COTRI, socio paritetico. 

Lo ha denunciato, come le altre sigle in passato, l’Organizzazione Sindacale USB, nel documento inviato il 7 gennaio, ai vertici del Campidoglio e al Prefetto di Roma, col quale ha aperto ufficialmente le “procedure di raffreddamento e di conciliazione”. 

Si parla di “metodi coercitivi e discriminatori” come “blocco dei cambi turno e pressioni nei confronti dei lavoratori che denunciano malattia, guasti, Legge 104 ect.” e della mancata “possibilità dei lavoratori di fruire delle ferie maturate”.

Ma non basta. L’USB sottolinea, “l’inserimento dello straordinario nei turni senza l’autorizzazione dell’OdE” e un “uso eccessivo della repressione disciplinare”. “Vista la gara”, incalza Claudio De Francesco del SICEL, “al peggio non c’è mai fine”.

L’inciso infiamma la diatriba e mette, di conseguenza, in guardia anche i dipendenti dello stesso COTRI. I quali, preso atto dei trascorsi, rischiano anch’essi lo slittamento delle spettanze di dicembre, alla stregua dei colleghi della RomaTPL, le quali, secondo gli accordi, dovrebbero essere corrisposte entro il 10 di ogni mese.

David Nicodemi per L'Osservatore d'Italia




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Certo che è una vera vergogna trattare così gente che lavora onestamente. E mi fa specie che poi si lamentano tanto gli ataccari, mentre a questi poveri cristi di Roma TPL manco li pagano...