#AutobusDiRoma - I tedeschi urbani di Atac!



#AutobusDiRoma - Sesta puntata: nella quinta puntata abbiamo parlato dei Mercedes Citaro Interurbani. Ora è il turno dei bus dello stesso modello ma in allestimento urbano!


I Mercedes Citaro O530N (7501-7700) sono la seconda tranche di bus tedeschi approdati a Roma. 

Prodotti nel 2004 dalla Mercedes Evobus, possono trasportare fino a 107 persone. 

A bordo vi sono 2 posti per i portatori di handicap che vengono fatti salire grazie ad una pedana da azionare manualmente. 

Anche queste vetture sono alimentate a diesel con un motore Euro 3, e hanno macinato tra i 530mila e i 640mila chilometri.
Ecco una vettura in livrea grigia con fascia amaranto 
Le 179 vetture in servizio sono assegnate solamente alla rimessa di Portonaccio. 

Inizialmente le vetture erano 200, ma una decina di bus sono andati flambè e 15 invece sono stati ceduti come nuove vetture a Sita-ATI, poi divenuta Roma Tpl. 

Alcuni bus hanno una livrea rosso-grigia mentre altri ce l'hanno grigia con una fascia amaranto sotto i finestrini. 

Questi mezzi sono lunghi 12 metri, hanno 3 porte e sono dotati di impianto di climatizzazione.
Un Citaro Urbano in livrea rosso-grigia
Nella zona posteriore vi è il corridoio stretto mentre, nella parte anteriore, vi sono molti posti in piedi. Quasi tutti i mezzi stanno ricevendo la livrea grigia con fascia amaranto, però alcuni sono stati riverniciati senza la fascia sotto ai finestrini.


Un Citaro riverniciato senza fascia amaranto

Autore: @TplRoma Studente, appassionato di trasporti e utente del TPL romano - Scrivo per Odissea Quotidiana tentando di analizzare e spiegare la complicata situazione della mobilità romana da un punto di vista oggettivo - Per informazioni o segnalazioni tplroma@odisseaquotidiana.com




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Il problema di questi autobus è uno solo: sono talmente maltrattati che da "Mercedes" sono ormai diventati "Merdeces"...