Subscribe Us

Il Codacons attacca: “Atac deve rimborsare i pendolari per gli abbonamenti non usati”

Il Codacons attacca: “Atac deve rimborsare i pendolari per gli abbonamenti non usati”

Gli abbonamenti per il servizio di trasporto pubblico gestito da Atac devono essere rimborsati agli utenti, proporzionalmente al periodo in cui gli spostamenti dei cittadini sono stati limitati a causa dell’emergenza coronavirus, attraverso una proroga della durata degli stessi 





Lo afferma il Codacons, che è pronto ad intentare una class action contro l’azienda se, ancora una volta, calpesterà i diritti dei consumatori.

ROMA, CODACONS: ATAC DEVE RIMBORSARE UTENTI PER ABBONAMENTI NON USUFRUITI


“Già altre società di trasporto pubblico come l’Atm a Milano hanno aperto la strada ai rimborsi in favore di titolari di abbonamenti, a fronte della manifesta impossibilità di utilizzare bus e metro a causa dei divieti imposti dal Governo a partire dallo scorso marzo – spiega il presidente Carlo Rienzi – Sempre nel settore dei trasporti anche Alitalia, Trenitalia, Italo e altri operatori hanno disposto rimborsi e voucher in favore dei possessori di biglietti inutilizzati, e solo Atac, stando alle poche informazioni emerse finora, vorrebbe negare tale diritto ai consumatori”.


STOP A SPOSTAMENTI LEGATO A CORONAVIRUS LEGITTIMA RIMBORSI IN FAVORE DEI CONSUMATORI. PRONTI A CLASS ACTION CONTRO AZIENDA SE NON RISPETTERA’ DIRITTI


“E’ evidente che gli abbonamenti annuali o mensili al trasporto pubblico di linea devono essere rimborsati per la parte non goduta dall’utente, che non ha potuto utilizzare bus, metro e tram non per sua scelta ma per la decisione del Governo di vietare gli spostamenti, come forma di contenimento del coronavirus – prosegue Rienzi

In base alle norme del codice civile, tale situazione legittima il diritto al rimborso in favore dei consumatori, e se Atac non accetterà di indennizzare i propri clienti attraverso un allungamento della durata degli abbonamenti, sarà inevitabile una class action del Codacons contro l’azienda a tutela dei cittadini romani”.





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Posta un commento

0 Commenti