Header Ads

Stazione Divino Amore, verso la realizzazione

Stazione Divino Amore, verso la realizzazione


RFI e Comune d’accordo ad aprire due stazioni, una a Statuario e l’altra sull’Ardeatina. Calzetta: “C’è un cronoprogramma: la fermata al Divino Amore apre entro il 2022"



La fumata bianca ancora non è stata ufficializzata. Certo è che, al km 14 di via Ardeatina, si respira un certo ottimismo.  

La realizzazione di una stazione al Divino Amore appare meno incerta che in passato.

Trovata la quadra

“Finalmente Regione Lazio e Comune di Roma hanno trovato un punto d’incontro – ha fatto sapere l’ex minisindaco Pasquale Calzetta, oggi portavoce dello Sportello del Cittadino – In sostanza si conferma la realizzazione di 7 nuove fermate nel nodo di Roma e nel 2020 saranno eseguiti gli studi di fattibilità tecnica economica per 4 fermate su 7. 

Tra le quattro previste, la priorità è stata data a quella del Divino Amore”.

Il Campidoglio d'accordo sull'apertura

La notizia è stata annunciata in occasione dell’incontro che si è svolto, nel pomeriggio del 4 dicembre, a Falcognana. Nel quadrante l’apertura di una nuova stazione è molto avvertita. Ne ha preso atto anche l’amministrazione cittadina. 

“Dal territorio – ha riconosciuto l'assessora Linda Meleo in una lettera scritta a fine luglio ad RFI –  sono pervenute alcune richieste di riattivazione della fermata Divino Amore lungo le linee fl7/8 ragione". 

La stazione in effetti esisteva, ma è stata chiusa nel 1964. Ora si tratta di attivarne un'altra, a poca distanza dalla predendente. 

Per questo Meleo chiedeva, all'amministratore delegato di RFI, di “valutarne la fattibilità in aggiunta alle già previste fermate di Selinunte o Statuario”.

Il tasto dolente: la frequenza dei treni

Non c’è dunque un derby tra Statuario e Divino Amore. “E’ possibile aprirle entrambe – ha riconosciuto il consigliere municipale Massimiliano De Juliis (FdI) – ma la contestuale entrata in funzione comporterebbe un’offerta ridotta. Significherebbe avere, per ciascuno delle due, un passaggio del treno ogni due ore”. 

Il bicchiere è mezzo vuoto? Non sono tutti d’accordo.

Un'occasione da cogliere

“Meglio così che niente – ha fatto notare Calzetta – anche perché in alcune fasce orarie, nelle ore di punta della mattina e del pomeriggio, la frequenza sarebbe raddoppiata”. 

Un treno ogni ora, per garantire un collegamento ferroviario tra il centro e l’estrema periferia sud. 

“E poi comunque è più semplice puntare all’apertura della stazione oggi e lavorare domani all’aumento della frequenza nel passaggio dei treni. Anche perché, diversamente, si rischia di perdere un’occasione” ha ribadito Calzetta.

Il cronoprogramma per l'apertura della stazione

L’assemblea svoltasi a Falcognana è stata anche utile a fissare una tempistica. 

“Per quanto riguarda il cronoprogramma, RFI ha fatto sapere che nel primo semestre del 2020 sarà realizzato lo studio di fattibilità. Seguirà il progetto definitivo e la gara d’appalto. 

I lavori quindi potranno iniziare nel primo semestre del 2021 – ha dichiarato l’ex minisindaco – mentre l’apertura della fermata è prevista per il primo semestre del 2022”. Dopodichè, per raggiungere Roma Termini, i residenti del quadrante più periferico del Municipio IX potranno utilizzare il treno. 

“S’impiegheranno sedici minuti per arrivare a Termini” ha ricordato il portavoce dello Sportello del Cittadino. Sarà però importante non perdere la coincidenza. 

Altrimenti si resta ad attendere, nella nuova fermata, anche due ore.

Da Roma Today



Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Nessun commento:

Powered by Blogger.