Meleo: no ad apertura Ztl, ma raddoppio navette

Meleo: no ad apertura Ztl, ma raddoppio navette


Nessuno spazio all’ipotesi di aprire la Ztl diurna e rimodulare gli orari di accesso al centro, come chiesto dai commercianti romani che lamentano il calo delle vendite a causa dei disservizi del servizio metro



Dopo la fermata Repubblica (chiusa ormai da cinque mesi, che non riaprirà prima di maggio), anche Spagna è stata chiusa in “via precauzionale” e a Barberini sono “saltate” le scale mobili. 

Ma per l’assessore alla Mobilità, Linda Meleo, la soluzione non è mettere in discussione lo stop alla auto in centro, ma “potenziare il servizio dei bus sostitutivi”. 

E per questo, spiega sul dorso locale del Corsera, “abbiamo raddoppiato le navette e, se sarà necessario, aumenteremo ancora. Con l’apertura dei varchi si creerebbe solo più traffico. 

Proseguiranno comunque i tavoli con i commercianti, li terremo costantemente aggiornati”.
Tutte le scale mobili portano a Roma
Le esperienze degli utenti

Riguardo invece alla manutenzione della metropolitana, l’assessora precisa che dopo l’ultimo incidente alla stazione Barberini (definito “inaccettabile”) il Comune si è mosso subito per rescindere il contratto con la ditta responsabile della manutenzione delle scale mobili (” inaccettabile che, pochi giorni dopo l’incidente, il titolare abbia addossato la colpa ai trolley che si incastrano tra i gradini”) .

Da parte sua, il Campidoglio si è mosso per garantire la sicurezza ai cittadini che viaggiano in metro, chiedendo e ottenendo dal ministero 425 milioni (che erano stati stanziati ai tempi di Delrio ministro) “per la manutenzione straordinaria delle linee A e B, per infrastrutture più moderne e funzionali”.

Da Radio Colonna





Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News







Commenti