Atac: partono i test ai televisori interni su alcuni bus

Le TV interne di alcuni autobus Atac hanno cominciato a trasmettere informazioni per cittadini e turisti.

Atac: partono i test ai televisori interni su alcuni bus

Ascolta "Pigneto FS: Slitta l'apertura, nuova data prevista per il 2026" su Spreaker.
Se ti piace il nostro lavoro, allora supportaci, basta un caffè!

Nell’era delle città sempre più smart, anche i televisori a bordo dei bus cominciano a trasmettere informazioni per cittadini e turisti. Sembra infatti che ATAC sia riuscita a trovare una soluzione per mettere in funzione questi monitor rimasti spenti per diverso tempo a causa di alcune complessità tecniche e organizzative. 

Complice l'arrivo del Giubileo, le difficoltà sembrano essere state superate. Oltre al piano di trasformazione in chiave smart delle fermate e della flotta, nelle scorse giornate alcune vetture Mercedes Citaro hanno circolato con gli schermi attivi che annunciavano la linea, la prossima fermata e la destinazione, di pari passo all'insegna led interna al veicolo.

Ricordiamo che i nuovi mezzi supportano già oggi un software per la gestione centralizzata del palinsesto da distribuire sui televisori dei bus, con la possibilità di suddividere lo schermo in zone e rappresentare testi, immagini, video su indicazione del sistema di monitoraggio da remoto detto AVM (Automatic Vehicle Monitoring).

Tale sistema ha già quindi la possibilità di esprimere liberamente le informazioni in base alle necessità degli utenti: dati contestuali allo svolgimento del servizio (linea, percorso, annuncio prossima fermata), alla posizione del veicolo (testi, immagini, video) e informazioni di servizio, anche su testo scorrevole.

Adesso che la sperimentazione è stata avviata è plausibile che entro pochi mesi tutti i bus di Atac torneranno a mostrare informazioni utili ai cittadini e ai turisti in tempo per il Giubileo.

Speriamo che questa innovazione possa interessare anche i gestori subentranti della rete periferica (Troiani/SAP e BIS/Tuscia).


IL RUOLO DEL GIUBILEO

Oltre al piano di restyling di tutte le stazioni della linea A, è stata aggiudicata anche la gara del “piano fermate” che consentirà di reiventare le fermate di superficie in chiave “smart” con oltre 800 nuovi impianti che saranno installati entro il Giubileo. Saranno interessate 435 pensiline, che saranno dotate di schermo digitale e totem interattivo (di cui almeno 20 con touch screen, posizionate nell’area vicino il Vaticano), 405 paline elettroniche e 14 capolinea smart con pensilina, palina, wc e box ufficio.

Investimenti milionari che miglioreranno il decoro delle infrastrutture e consentiranno di rendere maggiormente accessibili le informazioni fondamentali del trasporto pubblico locale. Un impegno ribadito all’interno dell’attuale contratto di servizio (DGCa 273/2015), che all’art. 33, comma 1, punto h che pone ad Atac l’obbligo di “ garantire un alto livello di comunicazione e informazione di servizio alla clientela” e debba prevedere, tra i vari requisiti minimi, anche la “dotazione di un adeguato sistema di informazione all’utenza a bordo dei mezzi […]” e nell’ultima edizione della Carta della Qualità dei Servizi del TPL di Atac nella quale sono stati elencati “i sistemi di comunicazione che sono presenti […] a bordo dei bus di recente fornitura” come strumenti per conoscere lo stato del servizio in tempo reale. 

Per ottemperare a questo obbligo Atac nell’ultimo decennio ha comprato solo autobus dotati di un monitor interno a LED bifacciale e adesso, finalmente, questi utilissimi strumenti potranno trasmettere le necessarie informazioni sul trasporto pubblico locale.

Quotidiana è su Google News - Se vuoi restare sempre aggiornato clicca qui e seguici selezionando sulla stellina in alto a destra.

Posta un commento

0 Commenti