Roma-Lido: di chi è la colpa?

Roma-Lido: di chi è la colpa?

Altra puntata dello scaricabarile sulle responsabilità del tracollo della Roma-Lido, due giorni fa il presidente del X Municipio Di Pillo, ha inviato una lettera in Regione criticando la non-gestione della linea, oggi tocca ad Alessandri rispondere. Nel mezzo a soffrire dei disagi, sempre gli utenti





“Nessuna “guerra tra Istituzioni” a proposito della Roma-Lido, raccontarla così è sbagliato.

La Presidente del Municipio di Ostia ha semplicemente scritto all’ente sbagliato, perché le sue preoccupazioni, polemiche, rispetto alle soppressioni delle fermate sulla tratta doveva esprimerle ad Atac e a all’amministrazione comunale di Roma, non a noi.

E qui non è un fatto di interpretazioni, di fazioni

E qui non è un fatto di interpretazioni, di fazioni: c’è il giusto e c’è lo sbagliato, basta sapere che tutto quello che avviene rispetto alle scelte di gestione del servizio fino al 31 dicembre di questo anno è responsabilità di Atac. 

Quelle soppressioni non le ha decise la Regione, ma Atac, che riceve 90 milioni di euro l’anno per gestire le ferrovie ex concesse, è così chiaro. 

E le ha decise perché obbligata dalla sua stessa scarsa efficienza, evidentemente: non ha treni disponibili, non avendo fatto le dovute manutenzioni sul materiale rotabile. 

Chi lo dice? Potreste dire. 

Lo dice, e lo ha scritto, più volte l’agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria, che alla fine, sollecito dopo sollecito, preso atto dell’inconcludenza di Atac ha fermato 4 treni. 

Queste trascuratezze, questi ritardi e le inottemperanze di cui Atac è stata protagonista, rispetto alla manutenzione dei treni, al rispetto delle prescrizioni dell’Agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria, rispetto al decoro delle stazioni ha messo in importante difficoltà la Regione e migliaia di cittadine e cittadini, hanno provocato questi forti disagi.

Tutte queste inadempienze

Tutte queste inadempienze sono state puntualmente eccepite dalla Regione, perché oltre ad essere indignati non permetteremo che i soldi dei contribuenti vengano investiti in servizi pubblici che per responsabilità di altri non si realizzano. 

Io parlo con lingua dritta, e non voglio fare la campagna elettorale su una ferrovia, come fosse un tema da niente, né favorire guerre, alimentarle. 


Semplicemente ribadisco: la Presidente del Municipio ha scritto all’ente sbagliato, probabilmente sapendolo. 

Nell’ipotesi peggiore, non sapendolo. Mentre queste provocazioni, schermaglie divertono tanto, appassionano, noi siamo al lavoro. Anche sostituendoci, e sempre più spesso, a chi ha dimostrato di non saper fare il proprio dovere, con la necessaria disciplina.  

Vorrei, vorremmo, cominciare a far parlare solo i fatti. Capisco che per altri è più difficile, ma proprio tanto, ma questa difficoltà non può diventare un problema di tutti”.

da Il Tabloid

Mentre ai piani alti si litiga, i pendolari stanno così (foto di copertina gruppo FB Ostia Informa)





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format

Posta un commento

0 Commenti