Subscribe Us

Atac, in attesa dei vertici cerca 6 milioni con la pubblicità

Atac, in attesa dei vertici cerca 6 milioni con la pubblicità

In attesa di conoscere i nuovi vertici, dopo il passaggio di Paolo Simioni a Enav, Atac lancia una gara da 6 milioni di euro per la pubblicità sui propri spazi. Più nel dettaglio, lo sfruttamento degli spazi posti sulle pensiline, paline e i punti di arresto del bus





La gara, della durata di due anni, più altri due rinnovabili, prevede lo sfruttamento, ma anche la gestione degli spazi. Soldi che alla municipalizzata, fanno decisamente comodo.

Sì perché Atac, perennemente in bilico tra rinascita e fallimento, rischia di pagare caro il cosiddetto ritorno alla normalità. La premessa: il crollo del trasporto pubblico, causa coronavirus, rischia di mandare a gambe all’aria il concordato dentro cui Atac si trova. Tanto che, secondo i calcoli degli esperti della municipalizzata, servirebbero subito in cassa non meno di 200 milioni.

Va bene, ma ora? Ora il problema è che nei bus bisognerà mantenere una distanza sociale di un metro. Dunque meno persone a bordo, meno ticket pagati e forse anche meno voglia di prendere i mezzi. L’eredità psicologica del coronavirus è d’altronde ancora forte.

Di più. Con le attuali indicazioni sul distanziamento di un metro, la flotta Atac che riprenderà il servizio con orari normali, sarà costretta a viaggiare praticamente vuota. 

Perché nei bus da 12 metri, ci sono circa 100 posti, fra la ventina a sedere e quelli in piedi. Ma, ad accoccolarsi sui comodissimi sedili potranno starci solo otto persone. 

E non molti di più quelli che potranno stare in piedi. Su 100 passeggeri teorici, se va bene, potranno entrarci una ventina di persone. Se va bene.





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Posta un commento

0 Commenti