Header Ads

Roma, ancora fiamme su un bus: incendio spento dall'autista

Roma, ancora fiamme su un bus: incendio spento dall'autista


È successo su via Tiburtina all’altezza di piazzale Valerio Massimo. È la quarta vettura andata a fuoco in cinque giorni



Ancora un principio di incendio su un bus Atac. Intorno alle 11 un mezzo che marciava sulla via Tiburtina all’altezza di piazzale Valerio Massimo, un Mercedes Citaro, e stava rientrando in rimessa è andato a fuoco. 

A bordo c’era solo il conducente che al primo sentore di fumo è sceso, ha aperto il vano posteriore e con l’estintore è riuscito a spegnere autonomamente le fiamme.

Con l'incendio di oggi sono 4 in cinque giorni le vetture che sono andate a fuoco. 

L’8 dicembre all’altezza del civico 180 di via Vinicio Cortese, a Mostacciano, è andato a fuoco un altro autobus: stava servendo la linea 708 e a bordo, oltre all’autista, c’era solo un passeggero. La vettura, che come riportato dall’Atac era molto vecchia, è stata distrutta dalle fiamme. 

Venerdì 6, invece, è stata una vettura di Roma Tpl, che stava servendo la linea 555, ad andare a fuoco: era a Ponte di Nona, nella periferia estrema della Capitale, in via Luciano Conti, all’angolo con largo Corradini. 

Non si sono registrati feriti. Il bus è stato seriamente danneggiato nella parte posteriore e ancora non è chiaro se potrà essere riparato. 

Poche ore prima, nella notte, è toccato a un mezzo che stava rientrando nella rimessa di Tor Vergata.

Flambus: la battaglia sui numeri
Conti alla mano, sono 30 dall'inizio dell'anno i bus (Atac o Roma Tpl) a essere stati distrutti dalle fiamme, a essere stati interessati da principio d'incendio o dove si è attivata la polvere estinguente. 

Tra questi, sono 16 (sia Atac che Roma Tpl) dall'inizio del 2019, i mezzi di trasporto pubblici andati a fuoco in maniera così grave che le vetture sono andate distrutte e sono irrecuperabili.

“I numeri parlano da soli e preoccupano lavoratori e cittadini - spiega Claudio De Francesco, sindacalista Faisa Sicel - si intervenga in maniera seria o blocchiamo il servizio. La vita dei conducenti e dei passeggeri non può essere messa a rischio tutti i giorni”.

Da Repubblica




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Nessun commento:

Powered by Blogger.