La Roma Lido non esiste, ci scusiamo per il disagio

La Roma Lido non esiste, ci scusiamo per il disagio


Roma Lido: treno rotto, corse su binario unico e passeggeri lasciati a terra. Altro giorno da incubo Ancora un problema alla tratta che collega il municipio del mare a Piramide. I problemi dopo un guasto ad Acilia – Da Atac nessuna comunicazione sui guasti, quello che non viene raccontato, non è mai avvenuto




E dov'è la novità? Direte voi. Nessuna, la risposta. Il che, paradossalmente, è peggio. Già perché lunedì 11 novembre è solamente un giorno come tanti, uno di quelli da incubo per chi abita nel X Municipio e sceglie i mezzi pubblici, pagando, per raggiungere la propria meta, che sia scuola, lavoro, università o un centro medico. 




Per i forzati della Roma Lido, la mattinata da incubo è iniziata intorno alle 7:45 circa quando un treno si è rotto ad Acilia. Un film già visto pochi giorni fa con il convoglio seguente, quello partito da Ostia, costretto ad "invadere" il binario nel senso opposto per poter proseguire.

Con buona pace dei pendolari, costretti a viaggiare ammassati, con corse rallentate per il nuovo dispositivo che costringe i macchinisti a non superare i 70 km/h, rimodulazioni e banchine piene. Conseguenze che, anche questa mattina, hanno portato due passeggeri a chiedere di fermare la corsa a causa di malori.


Perchè le MA200 si guastano continuamente?
Il tutto in uno scenario dove i passeggeri sono abbandonati a loro stessi. Sull'account Twitter Atac non ha comunicato nessun guasto (che pure c'è stato), nessun malore (che pure c'è stato) e nessuna rimodulazione (che pure ci sono state) ma solo un elenco di nuovi orari, non rispettati. Sul sito, invece, un generico "ritardi" sintetizzava i problemi quotidiani. 

Da Roma Today


“Di novità c’è poco: un film già visto”. Questo il racconto di un viaggiatore della Roma-Lido, che nella mattinata di lunedì 11 novembre ha registrato l’ennesima mattinata di disagio.

“Io sono salito sul treno alle 7,56 da Lido Nord e alle 8,49 stavo a Tor di Valle. Starà alla Magliana alle 8,52, quindi praticamente un’ora dopo. Anche questa volta un treno rotto ad Acilia, come accaduto nelle puntate precedenti: abbiamo attraversato l’altro binario, quello che per intenderci passa da Roma verso Ostia. Con la pioggia il numero dei passeggeri è aumentato”.

“Il treno partito alle 7,25 dal capolinea Cristoforo Colombo alle 7.40 è già rotto: fermo ad Acilia e tutti giù per terra” ha detto Andrea Castano (Odissea quotidiana). “Questo film dell’orrore sta diventando una telenovela infinita”.

A regalare un momento ironico c’ha pensato Lorenzo Nicolini di RomaToday, che sui social ha scritto: “Pioggia + treno rotto ad Acilia + limite a 70 km/h = amore vero. Potrei scrivere tante cose, tra l’articolo indignato e il post ironico, ma preferisco utilizzare questo messaggio per lanciare un appello. Aiutatemi a diffonderlo. Se sei tu, chiamami. 

Se leggi questo messaggio, scrivimi. Non ti ho vista in faccia ma credimi, questa volta, non posso dare la colpa all’alcol. Non era programmato, è successo e lo hai sentito anche tu. Non sai come mi chiamo e io non so chi sei. Ma eravamo lì. Io e te, e altre centinaia di persone che ci spingevano l’uno contro l’altro”.

Da TerzoBinario






"Si tratta di progetti che rientrano nella nostra visione di mobilità", afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi. 

Mentre l'assessore alla Mobilità, Pietro Calabrese, aggiunge: "Con la presentazione di questo nuovo pacchetto di opere proseguiamo con la progettazione e la creazione di una nuova mappa di infrastrutture per il trasporto a Roma".

Da Repubblica












Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti