Atac perde Lido e Viterbo. Zingaretti inguaia i pendolari

Atac perde Lido e Viterbo. Zingaretti inguaia i pendolari


Dalla padella alla brace! Zingaretti e la Regione Lazio tolgono le due linee all'Atac “per ridargli dignità che ora non hanno”. Ma il piano studiato aumenterà solo il caos esistente



Via le concesse Roma-Lido e Roma-Viterbo da Atac. Lo annuncerà il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ospite al Maurizio Costanzo Show di questa sera, quando dirà chiaramente che la Regione Lazio toglierà la gestione delle due linee “per ridargli dignità che ora non hanno”.

In verità il progetto del Governatore è roba vecchia e che risale alla delibera del 2016 della Regione, con la quale è stato deciso di non rinnovare più il contratto di servizio tra Regione Lazio e Atac ma di procedere con un accordo tecnico su base annuale che prevede livelli di servizio storici e corrispettivo congelato intorno ai 100 milioni di euro, dai quali è però impossibile o quasi scorporare il contributo per la Roma-Giardinetti.

Ma vediamo di capire per quale motivo, l'annuncio di Zingaretti non avrà nessun effetto sulla vita “appesa ai treni” dei pendolari ma alimenterà il caos esistente. 

Due le scadenze previste dalla “train map” della Regione Lazio: il primo gennaio del 2020 e il primo gennaio del 2021

Secondo il progetto firmato dal Direttore Regionale di Trasporti, Stefano Fermante, già ragioniere generale del Comune di Roma allontanato da Virginia Raggi, con l'inizio del nuovo anno la società regionale Astral dovrà subentrare ad Atac nella gestione dell'infrastruttura, cioè binari, massicciate e linea aerea, mentre a Rfi dovrebbe andare il segnalamento. 



Di fatto è un'operazione impossibile poiché in Atac non è pervenuta nessuna richiesta di cessione degli impianti e la ferrovia non è una “pista Polikar” ma un sistema così complesso che richiede mesi di lavoro per transitare da un soggetto all'altro.

Nella scadenza del “fantapiano” di Zingaretti c'è poi il primo gennaio del 2021, quando anche i macchinisti attualmente in servizio sulla Viterbo e sulla Lido diventeranno dipendenti Astral, che però non è in possesso di alcuna “licenzia ferroviaria”, cioè l'abilitazione all'esercizio che l'Ufficio Speciale del Mit, l'Ustif, concede alle aziende che eserciscono il servizio di trasporto su ferro.

E poi c'è il nodo di Atac, anzi del Tribunale Civile e del relativo concordato nel quale non c'è traccia di cessione di infrastrutture e apparati delle ferrovie Concesse, ma c'è invece la proprietà dei treni e, nel caso della linea B, persino la proprietà delle Officine di manutenzione della Magliana dove Atac effettua i servizi manutentivi.

Insomma, il piano Zingaretti-Fermante per togliere Roma-Lido e Roma-Viterbo ad Atac è già fallito prima ancora di essere attuato

C'è un piano B, quello di prendere le due linee su ferro e cederle manu militari a Fs. Molto più realistico ma ancora campato in aria. La partita per Atac vale 100 milioni di euro circa di fatturato. E il Tribunale non sa nulla.

Da Affari Italiani




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Commenti

Anonimo ha detto…
Non appare chiara una cosa: la gestione del servizio, dal 2021, non dovrebbe andare alla COTRAL? Che c'entra l'ASTRAL con questo? La quale iltima, infatti, dovrebbe occuparsi solo della gestione di treni ed infrastruttura (quest'ultima in collaborazione con RFI, da quanto ho capito).
Anonimo ha detto…
Io poi dico una cosa: il passare una ferrovia da un gestore all'altro dovrebbe significare, secondo me, sostituire anche dirigenti e personale, o almeno una certa quota parte di esso, perchè se cambia la sigla ma la gente resta la stessa, francamente non vedo come potrebbe cambiare in meglio il funzionamento di queste due ferrovie. Certo, licenziare la gente a raffica non si può fare, ma io farei restare all'ATAC il personale attuale della Roma Nord e Roma Lido, trasferendolo eventualmente alle due metropolitane A e B ed alla Roma-Centocelle, mentre sulla Lido e sulla Nord assumerei gente nuova (possibilmente personale svizzero, tedesco o austriaco...).
Anonimo ha detto…
Il personale svizzero, tedesco, austriaco, scapperebbe via dopo una settimana, essendo abituato alle persone civili....
Anonimo ha detto…
Eh già, è vero anche questo...
Anonimo ha detto…
Beh, comunque dirigenti e personale svizzeri, tedeschi o austriaci penso che farebbero funzionare la Roma Nord in maniera molto più seria, precisa e professionale. Cosa che, a mio avviso, sarebbe successo alla Roma-Lido, se l'avessero data in gestione alla RATP francese, come tempo fa si era ipotizzato.
Anonimo ha detto…
Attenzione invece ad un punto importante. La licenza ferroviaria, in realtà, è necessaria alle imprese ferroviarie destinate ad operare sulla rete nazionale di RFI, nonchè sulle ferrovie regionali interconnesse. Non è invece specificamente necessaria per la gestione delle ferrovie regionali isolate, ossia non collegate alla rete nazionale (basta che il personale operante sia in possesso delle prescritte abilitazioni). La Roma Nord e la Roma-Lido, pur avendo entrambe un raccordo con la rete RFI (rispettivamente a Fabrica di Roma ed agli ex Mercati Generali) non hanno un servizio regolare interessante i raccordi, nè viaggiatori nè merci (a differenza, ad esempio, delle ferrovie Arezzo-Stia ed Arezzo-Sinalunga, gestite da TFT-Trasporto Ferroviario Toscano, òa quale ultima opera anche sulla rete RFI, ed è pertanto in possesso di licenza), pertanto sia la Nord che la Lido sono da considerare ferrovie regionali (ex concesse) isolate.