ATAC ancora stazioni chiuse per le scale mobili


Pazzesco, folle, surreale, e dietro non c’è nessun complotto, se non quello di ATAC a danno degli utenti. Da venerdì prossimo 18 ottobre chiude la stazione Baldo degli Ubaldi della Metro A, per “circa” tre mesi. Motivo? Revisione “programmata” ventennale di TUTTE le scale mobili e ascensori contemporaneamente. 


Baldo degli Ubaldi ha solo impianti di risalita mobili, non ha scale normali, ed è profonda circa 30 metri. Il fermo degli impianti ne determina inevitabilmente la chiusura.




I 3 mesi di chiusura inoltre ricadono sull’intero periodo natalizio. Qualcuno di voi crede che dureranno solo tre mesi? Non si poteva partire ad inizio Agosto, durante la chiusura per lavori della Metro A? Non si poteva revisionare una rampa alla volta, senza chiudere la stazione? (ormai è cmq troppo tardi per farlo). 

Le successive stazioni di Cipro e Valle Aurelia hanno tutti gli impianti fermi da Maggio (5 mesi) per lo stesso motivo, ma non sono chiuse perché hanno anche scale normali e sono molto meno profonde. 

Ma c’è un problema ancora più grave che per ora vi tengono segreto: il 1° gennaio 2000 aprivano: Battistini, Baldo e Cornelia. Gli impianti scadono quindi tutti entro il 31 Dicembre 2019. 

Per Battistini non ci sono problemi perché ci sono anche scale normali e la stazione è poco profonda. Ma Cornelia dovrà essere chiusa. 

Già l’anno scorso, per il mero guasto di troppi impianti, era stata chiusa un paio di giorni.

Altra considerazione:  Baldo degli Ubaldi è una delle stazione a più basso carico della linea (“solo” 1,8 Mln di passeggeri l’anno, contro ad esempio gli 8 Mln di Ottaviano e gli oltre 20 di Termini), la stazione più vicina è Cornelia che ha 4,2 Mln di passeggeri l’anno, è anche la stazione più profonda della rete (quasi 40mt di profondità) e ha spesso scale mobili e ascensori fermi.


Vi immaginate Cornelia con il +43% di passeggeri? Vi immaginate quando poi chiuderà anche Cornelia? 

Parliamo di quasi 20.000 passeggeri al giorno tra le 2 stazioni (circa 5.800 per Baldo e 13.500 per Cornelia). ATAC quindi metterà dei bus navetta per 6 mesi? Distogliendo mezzi dal già pessimo servizio di superficie? Andando ad intasare la già congestionatissima viabilità in quel tratto?

Ma non è finita qui

ATAC non ci rimetterà nulla perché fattura sui km percorsi dalle Metro (km che anzi potrebbero pure aumantare, non dovendo fare una fermata). Difficile inoltre immaginare un calo sulla vendita di biglietti e abbonamenti, se non in piccolissima misura.

Magra consolazione, il responsabile delle Metro e quello delle scale mobili sono stati già sospesi dalla Magistratura per un anno, non sappiamo chi siano i loro sostituti e come sia la situazione, se non che è in peggioramento.

ATAC continua a centellinare il disagio sugli utenti come una tortura senza fine, e, a parte la Magistratura, nessuno gli impedisce di perseverare.


(grazie a @stefaniaGaruti per la segnalazione)


Di Mercurio Viaggiatore uno che mal sopporta la falsa manipolazione dei dati, per cui li analizza e li presenta in modo semplice e chiaro, spesso mostrando che il re è nudo. Per informazioni o segnalazioni mercurio@odisseaquotidiana.com

Leggi tutti i post di Mercurio Viaggiatore


Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti