"Bus in ritardo": autista insultato e strattonato

"Bus in ritardo": autista insultato e strattonato


Nuova aggressione a un autista di un bus a Roma. E' accaduto oggi in via Nino Taranto ad Acilia, al capolinea della linea 013 esercitata da Roma Tpl



A quanto ricostruito dalla polizia, due ragazzi saliti a bordo avrebbero prima insultato il conducente, perché a loro dire il bus era in ritardo, poi preso a calci e pugni la parete della cabina del conducente. 

Quando l'autista è sceso lo hanno strattonato, prima di scappare a piedi. 

Sulla vicenda indaga ora la polizia.


Il precedente di pochi giorni fa
Ancora aggressioni ad autisti Atac

L'episodio di oggi si verifica a pochi giorni di distanza dall'aggressione di venerdì sera a un altro conducente da parte di un gruppo di giovanissimi.

Da RaiNews





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Ve lo avevo detto nel mio commento sull'autista malmenato sulla linea 46 che sarebbe risuccesso?! Ed eccone la conferma. E, come altresì prevedevo, le autorità non muovono un dito per cercare almeno di arginare questo fenomeno con provvedimenti mirati. Le cabine blindate non risolvono il problema: occorre applicare con durezza e severità le norme e le leggi sulla pubblica sicurezza. Al tempo stesso ci vogliono condanne dure e pene certe nei confronti di questi balordi, che non hanno nulla di meglio da fare che aggredire un povero cristo che si guadagna da vivere conducendo un autobus. Dipendesse da me, spedirei questi balordi ai campi di lavoro forzato in zone tipo la Siberia, per la durata di sei mesi. In caso di proteste, raddoppio della pena. Vedi come gli passerebbe il vizio, altro che denuncia a piede libero: una bella palla al piede, pala e piccone, e via ai lavori forzati.
Anonimo ha detto…
Ah, ma possiamo stare tranquilli: gli aggressori saranno ben presto bloccati, identificati, arrestati e portati dal giudice, il quale gli farà una severissima ramanzina: "Birichini! Non lo fate più, eh?!".