Le vetture in prestito risolveranno il problema delle linee sospese?


Le vetture in prestito risolveranno il problema delle linee sospese?


Stanno arrivando i bus a noleggio e fra questi ci sono proprio quelli di cui Atac ha maggiore carenza e che la costringono a sospendere ogni giorno collegamenti in diverse zone della città, tra cui quelli che raggiungono l'ospedale Bambino Gesù



Come ormai noto, stanno per prendere servizio nella capitale più di 100 mezzi noleggiati da Tel Aviv e dall'azienda "Cialone".

Tra questi ci sono anche 20 minibus, proprio quelli di cui Atac ha maggiore carenza e che la costringono a sospendere ogni giorno collegamenti in diverse zone della città, tra cui quelli che raggiungono l'ospedale Bambino Gesù.

Infatti, per coprire tutte le tabelle delle linee su cui sono necessari bus corti servirebbero 35 mezzi. Basterebbe quindi riuscire a far uscire ogni giorno, oltre ai 20 noleggiati, altri 15 bus.

Considerando che in questi mesi sono state rilevate circa 50 diverse vetture "corte" non dovrebbe essere complesso assicurarne una quindicina efficienti ogni giorno, soprattutto in considerazione del fatto che almeno 30 mezzi della serie 20xx del 2006, i bus corti più giovani ed efficienti di Atac, risultano in ordine di marcia.

Tuttavia, non ci sembra saggio in ogni caso accantonare alcun mezzo, neanche i più vetusti del 2001, poiché, considerando la necessità di Atac di produrre più  chilometri possibile, potrebbero essere impiegati su turni brevi di linee a basso carico.

Inoltre, avere un maggior numero di mezzi permette di poter operare un maggior turn over sulle vetture, facilitando le operazioni di manutenzione, oltre ad avere un numero sufficiente di bus di scorta per sopperire ad eventuali guasti in linea.


Autore: @Franz6081, per Odissea Quotidiana. Studente Romano appassionato - tra le altre cose - di trasporti e mobilità. Per informazioni o segnalazioni, puoi scrivere a franz@odisseaquotidiana.com





Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti