Dove sono finiti i nuovi bus?



Sono passati pochi giorni dalla presentazione ufficiale dei nuovi 38 autobus presi a noleggio e già da questa mattina hanno cominciato a girare per la Capitale, iniziando a risolvere qualche problema. Andiamo a vedere come sono stati usati


Venerdì scorso sono stati presentati 38 nuovi autobus, prima trance del 108 totali che dovrebbero arrivare nel mese di marzo e già in mattinata, hanno cominciato a girare per Roma, andando a tamponare una situazione che stava diventando sempre più disastrosa.

I primi effetti si sono visti dal nostro rilevamento quotidiano, dove l'innesto di questi bus ha portato il totale dei mezzi in circolazione a 1.070, mentre la media del mese di febbraio era pari a 1.032 vetture.

Un altro effetto positivo che balza subito agli occhi è che, a parte un problema con la Linea 228 attorno alle 10.30, non ci sono al momento soppressioni di linee come al solito, segno di una buona pianificazione ed allocazione di vetture, soprattutto i pazienti del Bambino Gesù ringraziano.

La domanda è: dove sono stati allocati questi 38 autobus?

Già venerdì avevamo detto che sarebbero stati distribuiti tra le rimesse di Magliana e Grottarossa per prestare servizio sulle linee per l’Ospedale Bambino Gesù (115,870), per il Policlinico Sant’Andrea (029) oltre che a rotazione sui restanti collegamenti gestiti da minibus delle due rimesse (020,087,089,52,188,228,303)

Questa l'allocazione attuale:











Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Dal momento che queste vetture entrano in servizio, scatta automaticamente il cosiddetto "TRGV", acronimo di "Tempo Rapido Graffiamento Vetri", che come unità di misura utilizza il secondo (s). Detto in altri termini, dopo pochissime corse avranno già i vetri dei finestrini graffiati, incisi, scarabocchiati, ecc. da parte dei soliti idioti sottosviluppati. Tanto chi controlla?
Anonimo ha detto…
Chi controlla? Ma i pizzardoni, che ora saliranno sui bus a controllare! (Beato chi ci crede, ovviamente...).