Trasporti a Roma: l'assessore Patané illustra lo scenario dei prossimi 6 mesi

Trasporti a Roma: l'assessore Patané illustra lo scenario dei prossimi 6 mesi

Nel corso dell'iniziativa "Roma in concreto" sono stati illustrati i 300 obiettivi per i prossimi 180 giorni della Giunta Capitolina. L'assessore ai trasporti di Roma Capitale, Eugenio Patané, ha illustrato quelli relativi ai trasporti.

Trasporto pubblico locale, cura del ferro, nuovi regolamenti e innovazione/Mobility As A Service: questo sono le principali macrocategorie sulle quali si sta focalizzando il lavoro dell'assessorato e delle società partecipate.

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Sarà sottoscritto il nuovo contratto per il trasporto pubblico e la sosta tariffata con Atac SpA, società in-house di Roma Capitale, con durata pari ad 8 anni.

Nei prossimi mesi inoltre arriveranno in città 43 bus ibridi acquistati tramite la piattaforma Consip; si prevede inoltre di attivare i finanziamenti di cui ai DM 234/2020 e 71/2021 PSMNS e DM 530/2021 PNRR. Si tratta di oltre 65 milioni di euro, a cui si aggiungono i finanziamenti del PNRR per l'acquisto entro il 2026 di un numero minimo di 411 bus elettrici. Assieme agli autobus elettrici, saranno adeguati 4 impianti di rimessa Atac con quanto necessario per la ricarica di tali veicoli.

CURA DEL FERRO

Partendo dalla rete esistente, saranno necessarie ingenti lavorazioni per il rinnovo dell'armamento tramviario. Si partirà dalla linea più critica e urgente, il tram 8, che verrà chiusa da giugno per 6 mesi continuativi.

Per quanto riguarda le metropolitane esistenti, sono partiti i bandi di gara per il rifacimento dell'armamento della linea A, che dovrà chiudere anticipatamente alle ore 21:00 per 18 mesi, e per la fornitura in opera del sistema di controllo del traffico treni centralizzato (CTC), comprensivo di impianto per informazioni al pubblico (IAP).

Poi, ci sono altre attività in corso di progettazione e che andranno a gara nei prossimi mesi: rifacimento banchinette di emergenza, impianto di alimentazione elettrica e impianto antincendio delle linee A e B. Questi interventi fanno parte del pacchetto da 425 milioni di finanziamenti del Ministero dei Trasporti per le manutenzioni risalenti al 2018.

L'assessore ha poi promesso di "salvare" i treni delle metro B e C che sono stati fermati da ANSFISA, l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria, così come già fatto per quelli della linea A.

Relativamente al tema dell'ampliamento della rete tramviaria, è stata avviata la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) presso la Regione Lazio. Appena sarà conclusa, si potrà partire con il progetto esecutivo e con l'apertura dei cantieri. Entro marzo 2022 saranno presentati i progetti di fattibilità tecnico-economica per 7 nuove linee tranviarie.

La tramvia dei Fori è stata stralciata dai piani dell'amministrazione perché "incompatibile con il progetto di pedonalizzazione dell'asse" ed i fondi sono stati parzialmente dirottati sulla tramvia TVA (tratta Venezia-Risorgimento/Cornelia) e per il piano depositi tram (Centro Carni, Centocelle, Ostiense e rifacimento Porta Maggiore e Prenestina).

Per quanto concerne la prosecuzione della metro C oltre Colosseo, il MIMS ha concesso 1.6 miliardi di euro di finanziamento che serviranno per cantierizzare la stazione di piazza Venezia (circa 750 milioni), mentre i restanti sono per la realizzazione della tratta Venezia-Clodio.

Entro il mese di aprile 2022 è invece prevista l'apertura della stazione Vigna Clara delle ferrovie regionali.

NUOVI REGOLAMENTI, CICLABILI E MAAS

Sul fronte regolatorio, dopo l'approvazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) di qualche settimana fa, venerdì 11 marzo la Giunta Comunale discuterà le nuove linee guida del Piano Urbano Parcheggi (PUP) e nel mese di giugno ci sarà la presentazione del Piano Merci e Logistica.

Entro l'estate è intenzione dell'amministrazione anche l'effettuazione di test per la nuova app di "Mobility As A Service" (MAAS) e successivamente la sua attivazione per fine anno.

Infine, per quanto riguarda le piste ciclabili il 15 marzo in Giunta Capitolina si discuterà dell'utilizzo di 13 milioni del PNRR per realizzare 54 chilometri di infrastrutture già in fase avanzata di progettazione. Inoltre, è stato dato mandato agli uffici di effettuare la revisione lungo alcuni tratti di ciclabili in ottica di miglioramento dell'infrastruttura: Pineta Sacchetti, Gregorio VII, Prenestina, Tuscolana e Galleria PASA.

Posta un commento

0 Commenti