Subscribe Us

Metro C: 8 milioni di danni in due mesi per via dello stallo

Metro C: 8 milioni di danni in due mesi per via dello stallo

Né venerdì 8 maggio né martedì 12 maggio la Giunta di Roma Capitale ha dato il via libera agli atti che servono per far ripartire Shira e Filippa, le talpe della Metro C ferme ormai sottoterra da due mesi E basterebbe un ok di Roma Metropolitane, secondo il Mef





Né venerdì 8 maggio né martedì 12 maggio la Giunta di Roma Capitale ha dato il via libera agli atti che servono per far ripartire Shira e Filippa, le talpe della Metro C ferme ormai sottoterra da due mesi.

Roma Capitale dovrebbe in teoria soltanto “recepire” i 10 milioni già stanziati dal Cipe 60 giorni fa, ma tensioni in giunta tra l’Assessore al Bilancio e l’Assessore alla Città in Movimento stanno bloccando la misura per controlli ulteriori.



Lo stop non è a costo zero: gli spostamenti dei tecnici, l’energia per tenere attive e manutenute ogni giorno le gigantesche talpe sotto via dei Fori Imperiali, e tutte le misure per far fronte al contagio, sono infatti costate 113.000 euro al giorno secondo le prime stime. 8 milioni di euro in 2 mesi, in sintesi.

Intanto, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha inviato una lettera protocollata in cui striglia sia Roma Capitale, che è tenuta ad “informare tempestivamente il Cipe circa la successiva fase procedurale”, ma soprattutto Roma Metropolitane, il soggetto aggiudicatore dell’opera, a cui compete dare l’ok alla variante dei lavori di scavo.

Tra burocrazia e mancate responsabilità, il solito spreco, la solita inutile perdita di tempo

Da Repubblica




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Posta un commento

0 Commenti