Subscribe Us

Fase 2, furibondi i pendolari Romanord: “Abbiamo paura di prendere il treno”

Treni in cattive condizioni, i pendolari scrivono a Conte


La denuncia del Comitato: “Le prescrizioni del Governo per l’emergenza Covid 19 in questo momento sono completamente disattese”





Non vanno bene le cose sul tratto ferroviario Romanord in questa Fase 2 della pandemia da coronavirus. 

Lo denuncia il comitato dei pendolari che senza mezzi termini fa presente che le persone adesso hanno “paura di prendere il treno” a causa di una serie di inadempienze denunciate dagli stessi pendolari. 

“Dal 18 maggio – si legge in un comunicato – è iniziata la fase più brutta per la nostra ferrovia. 

Con la riapertura di parte delle attività, che avrà il suo culmine dal 3 giugno, stiamo assistendo alla solita ‘gestione’ di Atac non efficacemente controllata dalla Regione Lazio”.

“Su un orario misero in extraurbana – fa sapere il Comitato dei pendolari – stanno saltando quotidianamente altre corse e si inizia a sopprimere anche in tratta urbana. 

Questo è un danno grave non solo per il servizio, ma anche per la salute dei pendolari. 

Con il 50 percento di corse in meno in tratta extraurbana non c’è distanziamento sociale che tenga. 

Non ci sono addetti che regolamentano l’accesso in stazione e ai treni, come avevamo chiesto, non sono state ripristinate le corse, come avevamo chiesto, non ci sono dispositivi igienizzanti né in stazione né sui treni, come avevamo chiesto. 

Le prescrizioni del Governo per l’emergenza Covid 19 in questo momento sono completamente disattese”.
 
“Il traffico veicolare su gomma sta aumentando giorno dopo giorno – fanno notare i pendolari della Romanord – e le solite promesse non bastano per evitare il contagio. E quando da settembre ricominceranno le scuole? 

Abbiamo quindi bisogno di tempi certi per: l’arrivo dei nuovi treni; l’inizio lavori di raddoppio per la tratta extraurbana; concludere i lavori della nuova stazione di flaminio; il ripristino delle corse soppresse per ritornare all’orario in vigore prima dell’emergenza Covid 19; l’attivazione navette bus aggiuntive in automatico in caso di soppressione treno. 

Queste sono le domande che facciamo da mesi durante gli incontri ai quali partecipiamo, ma forse la domanda vera è: la Romanord sta per essere troncata della sua parte extraurbana? 

Se è così lo sapremo presto”.






Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format

Posta un commento

0 Commenti