Subscribe Us

Appunti sulle prove di contingentamento

Appunti sulle prove di contingentamento

La prova di contingentamento delle entrate in metropolitana a San Giovanni è andata male, o almeno non come avrebbe dovuto, Mercurio Viaggiatore lo ha analizzato ed ha fatto una proposta alternativa





Venerdì scorso Atac ha condotto un test di contingentamento nella stazione San Giovanni, nodo di scambio tra la MetroA e la MetroC. Seguendo il ragionamento di Mercurio Viaggiatore è stato un clamoroso flop. Ecco perché

Venerdì scorso Atac ha condotto un test di contingentamento nella stazione San Giovanni, nodo di scambio tra la Metro A e la Metro C.

Seguendo il ragionamento di Mercurio Viaggiatore è stato un clamoroso FLOP, ideato forse da chi non ha mai visto una Metropolitana. 

Guardate attentamente il video del TG1


Nel video si vede come le persone in uscita/entrata dal treno si mescolino tra loro. 

Chi esce si trova un "muro" davanti, muro costituito dalle in banchina che, forse, sono pure a meno di 1 metto tra loro e chi deve entrare deve aspettare il deflusso. 

La procedura richiede MOLTO tempo.



Sulla banchina Metro A hanno messo i pallini addirittura davanti ai corridoi di ingresso ed uscita, creando di fatto un muro invalicabile, chiunque passasse violerebbe lo spazio di sicurezza di chi è sui pallini.



Dopo aver visto queste immagini Mercurio racconta di aver scritto a: Prefetto, Vigili del Fuoco, Dipartimento Mobilità, Agenzia per la Mobilità, Sindaca, Assessore ai trasporti, e ad ATAC.

La proposta di Mercurio è quello di usare le 2 porte centrali di ciascun vagone SOLO IN USCITA, le 2 porte ai capi SOLO IN INGRESSO, e di fare il corridoio di passaggio DIETRO a chi attende in banchina, almeno per San Giovanni sulla Metro C e nelle stazioni affollate sulla Metro A e sulla Metro B, esattamente come da immagine.








Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Posta un commento

0 Commenti