Header Ads

Sciopero differito, ma i motivi ancora sul tavolo


Lo sciopero di lunedì 3 febbraio è stato differito, ma vale la pena ricordare quali fossero i motivi di questa agitazione dei dipendenti Atac aderenti al sindacato Fast-Confsal



Le cause dello sciopero erano ricordare che il lavoro del personale di Atac è diventato insostenibile: orario di lavoro e condizioni di lavoro, manutenzioni, buoni pasto e sicurezza, diventata una chimera. 

C’è inoltre il dilemma del metroferro, tra materiale rotabile fatiscente e polveri sottili, in cui spicca il pasticcio impacchettato al personale della ferrovia Roma-Giardinetti, ancora una volta dimenticato e relegato da una parte, senza futuro, nonché il disastro sull’allocazione e carenza dei macchinisti/capitreno della Roma-Lido e Roma-Viterbo».

«Atac si sceglie gli interlocutori per firmare accordi», conclude il Segretario Coppini, «ma è in ritardo sulle soluzioni: i direttori pensano al teatro, agli spettacoli, dimenticandosi della realtà. 

Lo sciopero ha i suoi colpevoli e responsabili, gli Autoferrotranvieri stanno diventando carne da macello: grida vendetta il licenziamento del collega Federico Maruca, sbattuto fuori da Autoservizi Troiani, e cioè RomaTpl, perché inidoneo alla guida dopo essere rimasto vittima di una folle aggressione, durante il servizio»





Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format

Nessun commento:

Powered by Blogger.