Lo stato di salute del trasporto pubblico di Roma


Spulciando i dati relativi al trasporto pubblico nella Relazione Annuale 2019 dell'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, si può notare come negli ultimi anni la situazione sia andata sempre più peggiorando



Nel 2018, con il servizio di superficie Atac e Roma TPL hanno prodotto un totale di 110 milioni di vetture km (-3,38% rispetto al 2017), mentre per la metropolitana la produzione è stata di 49 milioni di vetture km (+10,13% rispetto al 2017). 

Le ferrovie regionali hanno totalizzato 15,6 milioni di vetture km (+1,19% rispetto al 2017).

I dati dell’ultimo anno relativi al TPL di superficie confermano un andamento decrescente dal 2014 (-12%), dovuto quasi interamente alla contrazione delle vetture km esercitate da Atac (-16% in 5 anni); storicamente, per Atac, le minori percorrenze sono principalmente dovute alla ridotta disponibilità di mezzi che hanno un’età media molto elevata e che necessitano di frequenti interventi di manutenzione; inoltre, negli ultimi anni, le difficoltà finanziarie dell’azienda non hanno consentito il pagamento puntuale dei fornitori e hanno ulteriormente compromesso il regolare approvvigionamento dei materiali di ricambio necessari alle riparazioni ed al mantenimento in efficienza del parco mezzi. 

Solo una parte minore del servizio non erogato (circa il 12,5%) è dovuta a scioperi, deviazioni per cantieri, manifestazioni e incidenti.

Per la metropolitana, l’andamento positivo osservabile dal 2014 (+22,3%) mostra tuttavia una flessione nel 2017. 

La disponibilità dei mezzi, il personale e gli scioperi sono spesso la causa delle riduzioni del servizio.

Al contrario, le vetture km prodotte dalle ferrovie regionali registrano una diminuzione di poco superiore al 2% dal 2014 ma negli ultimi 4 anni si verifica un’inversione di tendenza (+4,3% dal 2015 al 2018); la riduzione del servizio più marcata si è avuta sulla linea Roma-Giardinetti (-34% in 6 anni).

Estratto dalla Relazione Annuale 2019 




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format