Follia sul bus. Scoppia la rissa, si picchiano in 8

Follia sul bus. Scoppia la rissa, si picchiano in 8


Sabato notte “caldo” a bordo di un bus Atac, attorno alle 4.30 di notte, gli animi si sono infiammati per motivi ancora sconosciuti e si è scatenata una violenta rissa che ha visto coinvolti 8 giovani


Sabato notte “caldo” a bordo di un bus Atac. Sul mezzo pubblico, infatti, gli animi si sono infiammati per motivi ancora sconosciuti e, mentre il mezzo stava percorrendo viale dei Tupini, all’Eur, si è scatenata una violenta rissa che ha visto coinvolti 8 giovani, di cui 3 maggiorenni e 5 minorenni.

È successo verso le 4:30, su un bus del servizio notturno. I ragazzi hanno iniziato a picchiarsi selvaggiamente, nonostante l’invito alla calma da parte dell’autista che, vedendo una pattuglia dei carabinieri in transito, ha iniziato a fare segnalazioni con i fari abbaglianti.

I militari, comprendendo che qualcosa non andava, sono saliti a bordo e hanno bloccato i giovani che erano ancora intenti a picchiarsi.

Una volta identificati i partecipanti alla rissa, i carabinieri hanno dichiarato in arresto i tre maggiorenni, due ragazzi romani di 19 anni e uno marocchino di 18, e denunciato i minorenni. Questi ultimi sono un 17enne, tre 16enni e un 15enne.

Nella perquisizione fatta dai militari è emerso che il 18enne marocchino era in possesso di 4 grammi di hashish, di 0,2 grammi di cocaina e di una tessera sanitaria rubata.

A causa delle botte ricevute uno dei 19enni è stato necessario il trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Eugenio, dove è stato refertato con 8 giorni di prognosi.

Da Il Corriere della Città




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Commenti

Anonimo ha detto…
Naturalmente non se ne parla di mettere controlli sulle linee notturne...non sia mai.
Anonimo ha detto…
Non c'è da meravigliarsi. Anni fa sui notturni erano rimasti ancora i fattorini, e poi passavano anche i verificatori. Oggi fattorini e controllori non ci sono più (questi ultimi come calano le ombre della sera svaniscono nel nulla...); non parliamo poi della presenza di controlli di altro tipo, del tutto inesistente...perciò che vogliamo pretendere?! Tanto di fenomeni come questo non frega niente a nessuno, ai politici poi, "nun gliene po fregà de meno...".
Anonimo ha detto…
Ma ragazzi minorenni non dovrebbero stare a casa alle 4 del mattino? Ma i genitori dove stanno, che fanno?! Nessuno mai si chiede questo?
Anonimo ha detto…
Se fossimo in un paese serio, intanto erano sicuramente tutti senza biglietto, quindi per prima cosa andavano sanzionati per difetto del titolo di viaggio. Poi, denuncia penale per interruzione di pubblico servizio, rissa, lesioni e quant'altro, con condanne dure e pene certe. Poi, denuncia penale nei confronti dei genitori dei minorenni per "culpa in vigilando". Ma se si cominciasse a tollerare il non viaggiare senza biglietto, anche questi fenomeni verrebbero scoraggiati. Ma da noi questo concetto proprio non lo si vuol capire. Ma tanto ora c'è, qui a Roma, il nuovo Regolamento di Polizia Urbana, che sarà ben presto il terrore degli indisciplinati e degli incivili...pare vero.