Vietato fare foto!


Nelle metro è vietato fare foto! Ciclicamente questo discorso si ripropone, ma non è vero, non esiste alcuna legge che lo impedisca. A pensar male forse il non far foto al disagio conviene solo ad Atac. La storia di Maria Giorgia



Lunedì pomeriggio, stazione di San Giovanni, una scala mobile stranamente non funziona e gli utenti si affollano sull'altra.

Maria scatta un paio di foto per documentare il solito casino e viene prontamente redarguita: "Signorina non si possono fare le foto in metro", sempre per il solito motivo che quello che non viene documentato, non è mai successo.


Purtroppo (per loro), come fa notare Mercurio Viaggiatore, non esiste alcuna norma o legge che impedisce di fare foto o video nelle stazioni della Metropolitana. 

Atac stessa fa riferimento ad un DPR che riguarda ESCLUSIVAMENTE le funivie e prevede una multa di 7€.

Ripetiamo, non esiste alcuna Legge o norma che proibisca di fare foto nelle stazioni delle Metro, purché vengano rispettate determinate condizioni: il rispetto della privacy delle persone, la limitazione ai soli luoghi normalmente accessibili al pubblico, e senza creare intralcio allo svolgimento del servizio e agli altri passeggeri.

Esisteva un Regio Decreto che imponeva il divieto di fare foto nelle stazioni ferroviarie, il 1161/1941 (tempo di guerra), ma è stato espressamente abrogato l’8/5/2010 dal D.Lgs. 66/2010 Art.2268 comma 196.

Interpellata, Atac continua a basare questo divieto sulla Carta dei Servizi, che non ha alcun valore legale, e sull’Art.18 del DPR 753/80, che non è assolutamente applicabile

NON fatevi intimidire, servono PROVE dei disservizi che Atac, con questo tipo di comportamenti, pare voler nascondere.




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News

Commenti

Anonimo ha detto…
Invece di richiamare un innocuo fotografo, pensassero piuttosto a combattere chi scavalca i tornelli o chi compie atti di vandalismo. Comunque, in questa città accadono cose che hanno dell'incredibile. Ecco cosa mi è successo recentemente: qualche settimana fa, alla stazione metro A di Valle Aurelia, ho richiamato a voce molto alta un ragazzetto che mi è passato dietro al tornello per non pagare il biglietto. Beh, sapete cosa è successo? Si avvicinano i soldati presenti di guardia alla stazione, e più che richiamare il ragazzo evasore hanno richiamato me perchè "dovevo calmarmi e non gridare, se no avrebbero chiamato la Polizia". Naturalmente, gli addetti di stazione non sono minimamente usciti dal gabbiotto, per capire perchè un viaggiatore gridasse. Capito che roba? Della serie: se mi rapinano e grido: "Al ladro, al ladro!" potrei venire incriminato io perchè ho gridato, piuttosto che il ladro che mi ha derubato. Questa è Roma, signori. Chi può cambiare le cose? Dobbiamo farlo tutti, ma qui non lo fa quasi nessuno, purtroppo.