Le condizioni di viaggio sulla Roma-Lido

Le condizioni di viaggio sulla Roma-Lido


Oggi la linea ferroviaria regionale Roma-Lido ha raggiunto uno dei suoi punti storici più critici. Questa foto io la dedico a tutti quelli che si lamentano sui social, ma non si presentano a tutti i rassegnati e a chi non vuole combattere, ma pretende di avere voce in capitolo lamentandosi



Dalle 7 alle 10: cospicui ritardi, treni guasti, transito dei mezzi su un unico binario, malore dei passeggeri e personale di stazione aggredito fisicamente. Da Ostia a Magliana molte persone ci hanno impiegato anche più di un'ora.

Dalle 18 alle 20: disagi simili a causa del malore di un passeggero. Io stesso, ora, sto viaggiando su una corsa rimodulata.

Se proprio vogliamo ridere per non piangere, verrebbe da pensare che tutti i cardiopatici del mondo si trovano a Roma, e viaggiano sulla Roma-Lido.

La verità è che ognuno di noi potrebbe sentirsi male. Le condizioni di viaggio - soprattutto nelle ore pre e post lavorative - sono bestiali. Siamo sardine che, schiacciate tra loro, sudano copiosamente persino a novembre inoltrato.

'Sta ennesima giornata di passione mi fa venire in mente questo scatto raccolto alla manifestazione di Dragona di sabato scorso, che certifica svariate opinioni: ad esempio, la presenza ignobile di poche persone, i giovani totalmente assenti e il blocco comunicativo tra associazioni e utenti.

Ma ciò che mi urta terribilmente il fegato è vedere video odierni ritrarre numerose persone bloccate sulla banchina o costrette a camminare sui binari. Quello stesso numero di persone, però, non si coalizza, non fa aggregazione di piazza. È un fiume desolante e deludente, che si arrabbia sul momento e torna a casa bofonchiando.

Questa foto io la dedico a tutti quelli che si lamentano sui social, ma non si presentano ai referendum o alle manifestazioni. La dedico a tutti i rassegnati e a chi non vuole combattere, ma pretende di avere voce in capitolo lamentandosi. La dedico anche ai romani che descrivono Roma come una città allo sbando, per poi nascondersi dietro a una frase idiota come "Eh m'hai visto quant'è bella 'sta città?“.

È grazie anche (e soprattutto) all'inattività sociale se siamo nella merda.

Secondo quanto ho raccolto nel weekend (con protagonista una raccolta firme che potete firmare anche voi, la trovate nei commenti), il 2020 dovrebbe aprirsi con una manifestazione storica per mostrare quanto siamo esasperati e incazzati.

Non arrendiamoci. Mobilitiamoci.

Di coluicheveglia



Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format


Commenti

Anonimo ha detto…
Il personale di guida (che oggi si chiamano "agenti di condotta" e non più "macchinisti", termine quest'ultimo ormai desueto ed obiettivamente inadatto a come è cambiata la tipologia di questo tipo di lavoro rispetto al passato), eventualmente tramite quei soloni dei sindacati (nei confronti di quest'ultimi, poi nutro una disistima totale), avrebbe dovuto opporsi a suo tempo (o almeno tentare di farlo) non appena si decise di mettere questi treni sulla Roma-Lido, poichè (lo ricordo ancora una volta), oltre a non essere proprio affidabilissimi, NON sono convogli adatti alla linea in oggetto. Non lo sarebbero nemmeno i CAF, ma quelli, almeno, hanno una componentistica molto più affidabile delle MA200. Non mi stancherò mai di ripeterlo: lo sbaglio è stato accantonare i treni serie MR e quelli serie 500, che erano invece adatti alla Lido, chiaramente in attesa di un consistente acquisto di treni nuovi "ad hoc" per questa ferrovia. Parlandone tempo fa con un ex ingegnere della allora ACOTRAL, Guido Ziccardi (persona di notevole competenza, purtroppo ormai scomparso) mi ricordo che anch'egli criticava fortemente l'utilizzo di treni ex metro A sulla Lido, proprio perchè inadatti alla differente tipologia di servizio esistente tra le due linee.
A proposito invece dell'acquisto di nuovi treni, giova qui ricordare che ci fu una giunta regionale, anni fa (se non erro vi era a capo l'on. Storace) che previde (saggiamente) l'acquisto di nuovi treni "ad hoc" per la Lido (mi pare ne erano previsti almeno una decina), nonchè il prolungamento della ferrovia fino a Torvaianica, cosa quest'ultima della quale si parla da anni ed anni. Poi, la giunta successiva bloccò totalmente tale progetto, ritenendo molto più conveniente mettere sulla Lido i treni serie MA100 ex linea A, opportunamente revisionati (sì, come no...) che stavano venendo dismessi a causa dell'arrivo dei CAF: i risultati di questa "geniale" idea li vediamo oggi.
Anonimo ha detto…
Sulla Lido si viaggiava meglio ai tempi dei treni di locomotore e carrozze: almeno il servizio era regolarissimo. Ma erano anche altri tempi: era diversa l'azienda (la cara, vecchia STEFER), diverso il personale, diversi i dirigenti: la tradizione ferroviaria della vecchia azienda esercente si è, col tempo, perduta, specialmente poi col ricambio generazionale di chi dirige e di chi vi lavora, fatto con criteri alquanto discutibili, sui quali preferisco non soffermarmi. Oggi si è, purtroppo, degradato tutto, e questo a causa di una politica becera e pressappochista, che progressivamente ha peggiorato ogni cosa.
Anonimo ha detto…
Come si può non essere d'accordo con quanto scritto!
Se noi utenti non cominciamo ad alzare la voce, nessuno ci starà a sentire. Dobbiamo reagire a tutto ciò, possibilmente senza trascendere.
Io non sono utente della Roma-Lido, ma sono solidale con coloro che devono sopportare tutto ciò ogni mattina.
Del resto sulle linee della metro non va meglio, basta farsi un giretto a San Giovanni. Dopo aver fatto un percorso sulla metro C con temperature a di poco tropicali, si arriva ai tornelli della metro A dove c'è il delirio. E se qualcuno si fa male?
Amici utenti, uniamoci e iniziamo a protestare sotto i palazzi del potere. 'Sti cialtroni del comune e i dirigenti Atac se ne devono andare. Se non ci coalizziamo tutti insieme, è inutile lamentarsi.
Il popolo è sovrano!