Clamoroso a Roma: cartelloni sullo “Stopdiesel” su bus pubblici euro3

Clamoroso a Roma: cartelloni sullo “Stopdiesel” su bus pubblici euro3


Il 1° novembre 2019 si è avviata nella Capitale la prima giornata con lo Stop delle automobili Euro 3, mentre i mezzi pubblici peraltro fortemente inquinanti proseguono a poter circolare grazie ad una deroga nell’Ordinanza della Sindaca Raggi



Non solo,  circolano pubblicità del Comune che raffigurano il Colosseo fra nubi di smog con la scritta STOP DIESEL-ARIA PULITA PER ROMA Dal 1 novembre 2019 fuori dalla ZTL Anello Ferroviario i Diesel Euro 3, proprio sui mezzi pubblici dell’Atac che sono Euro3″.

È il commento di Piergiorgio Benvenuti e Sergio Urbano, rispettivamente Presidente Nazionale e Dirigente Nazionale del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale.
Fuori i diesel da Roma!

“Da tempo stiamo sostenendo che la qualità dell’aria nella Capitale, al pari della gestione dei rifiuti e la manutenzione delle aree verdi è pessima, con un danno enorme sia di carattere ambientale che per la salute dei residenti e di chi vive e frequenta la città.

“Contestiamo però l’Ordinanza firmata dalla Sindaca  Raggi, n. 204/2019 e n. 205/2019  come il  provvedimento colpisce fortemente le famiglie a minor reddito che si vedono costrette a sostituire la propria autovettura Euro 3, anche se aiutati da rottamazioni e forme di sgravio fiscale, escludendo invece migliaia di veicoli, da quelli delle Forze dell’Ordine, i mezzi di soccorso anche stradale e il pronto intervento per acqua, luce, gas, telefono, quindi tutti i mezzi della Polizia Municipale, i mezzi Ama, quelli del Comune che si occupano della  gestione  del verde, quelli della Protezione civile e del decoro urbano, ma anche i veicoli con targa C.D., quelli dello Stato Città del Vaticano. e C.V, ed i veicoli adibiti al trasporto collettivo pubblico. 

E qui arriviamo anche al punto – proseguono Benvenuti e Urbano- mentre si chiede il massimo rigore per i comuni cittadini, i mezzi pubblici non sono adeguati al provvedimento per limitare l’inquinamento”.

“Non è possibile colpire solamente i cittadini, quando il pubblico, chi in effetti dovrebbe dare l’esempio, viene deliberatamente esonerato dal provvedimento. 

Anzi il provvedimento viene pubblicizzato, pensate un po’, proprio sui mezzi inquinanti Euro 3 che vengono salvati da una proroga del Comune. Oltre il danno anche la beffa”.

Da Abitare a Roma

Commenti

Anonimo ha detto…
Va però considerato un fatto: l'inquinamento di un veicolo va anche rapportato al numero di passeggeri che trasporta. Un autobus Diesel Euro 3 inquina forse un po' di più di una autovettura Diesel Euro 3...ma porta 100 persone, contro le quattro o le cinque di una automobile. Ne consegue che, per trasportare appunto 100 persone, basta un autobus, mentre servono diverse automobili per trasportare la stessa quantità di gente, automobili che, tra l'altro, non solo inquinano (nell'esempio parlo di tutti veicoli Euro 3 Diesel), ma consumano molto più spazio di un solo autobus, a parità sempre di persone trasportate. L'inquinamento, poi, non dipende solo dalla normativa alla quale aderiscce un certo veicolo, ma anche dallo stato di manutenzione dello stesso: più è maltenuto, più l'inquinamento aumenta, perchè persono di efficienza anche i sistemi antinquinamento del motore.