Roma Tpl, USB: “Il Comune paghi gli stipendi e reinternalizzi il servizio”

Roma Tpl, USB: “Il Comune paghi gli stipendi e reinternalizzi il servizio”


La situazione di Roma Tpl: servizio ed i mezzi a livello di Atac (cioè pessimo) in più gli stipendi dei dipendenti che arrivano ogni mese con almeno 20 giorni di ritardo. Ed il contratto tra il Comune e Roma Tpl sarebbe in scadenza...



“Questa mattina (16 ottobre, ndr) i lavoratori delle aziende consorziate di Roma Tpl si sono dati appuntamento sotto l’assessorato alla Mobilità per denunciare l’annoso problema degli stipendi che arrivano ogni mese con almeno 20 giorni di ritardo. 

Una delegazione, assieme all’Unione Sindacale di Base, ha incontrato lo staff dell’assessore Pietro Calabrese”. Questo quanto riferito in una nota sindacale.
Per approfondire
Sembra Atac, ma non è

“Per questo motivo USB ha chiesto che il Comune ritorni indietro sulla scelta di esternalizzare nuovamente il 20% delle linee nel prossimo bando di gara, visto che la regolamentazione europea permette la messa a gara anche solo del 10% del servizio e che apra uno studio di fattibilità per tornare alla gestione in house del trasporto e dei lavoratori, attraverso la costituzione di un’azienda speciale”.

Da Terzo Binario




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti