La mattina decidi di prendere la Roma-Lido? Metti in conto che dovrai saltare la corsa (almeno)


Ricevo e pubblico: Oggi dopo tanto tempo ho ripreso il trenino da Ostia Antica e ho trovato il servizio ancora peggiore di prima, vagoni stracarichi di persone ammassate già da Ostia Antica



Ad Acilia il delirio, una marea di pendolari che spingono per entrare e tanti che devono aspettare il treno successivo che arriverà  anche quello carico di gente!!!!

Ma come può venire in mente di fare partire ogni 15 minuti il treno nelle ore di punta? Senza vergogna.

Questa è l'esperienza di Tiziana, ma non che ad altri sia andata meglio:




Il problema c'è e lo stiamo dicendo da molti mesi, solo che fino ad ora pareva andato tutto bene, la coperta è troppo corta, i treni sono e rimarranno quelli, la gestione è sempre più confusa e, come sempre, le responsabilità di nessuno.

Né il Comune - Atac ormai è il gestore uscente - né la Regione Lazio paiono preoccuparsi più di tanto di quanto stia succedendo, la storia della divisione tra proprietà e gestione ha portato solo danni - ne abbiamo parlato diffusamente nel minibook L’insostenibile pesantezza di essere la Roma-Lido - e non pare migliorabile a breve.




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
La colpa è, principalmente, dell'insensata gestione del materiale rotabile che si è avuto in questi ultimi anni su questa ferrovia. L'intero parco dei treni serie MR è stato accantonato, e la stessa sorte è toccata ai treni serie 500 ed alle Frecce del Mare serie MA100, sostituendo il tutto con alcuni treni tipo CAF S/300 e con quelli serie MA200, entrambi tolti (tra l'altro) alle linee A e B della metropolitana, che sommati insieme non fanno un parco treni sufficiente, come entità numerica, alle esigenze della Lido. In attesa di un acquisto di un consistente lotto di treni nuovi adatti a quella ferrovia, il parco preesistente andava interamente tenuto, trattandosi tra l'altro di treni (specie le varie serie MR) relativamente semplici, robusti ed adatti alla Lido. Tra l'altro, lascia molto perplessi l'insensato accantonamento dei 4 treni serie MR601-616 (elettromotrici FIREMA E40 M1 ed E40 M2, accoppiate a rimorchiate serie MR 51-68, in composizione Mp+M+R+R+M+Mp), relativamente recenti, nonchè gli ultimi costruiti proprio con caratteristiche adatte alla ferrovia in oggetto.
Anonimo ha detto…
Vorrei anche aggiungere che l'officina di Magliana, che anni fa veniva pomposamente reinaugurata come Officina Grandi Revisioni dei treni della metro B e della Lido, oggi è di fatto diventata l'Officina Grandi Illusioni. I treni sono non molto ben manutenuti, la prevista climatizzazione dei treni serie MB100 della linea B si è limitata ad un solo convoglio, che tra l'altro non si vede più in giro (mentre gli analoghi treni in servizio in Perù, sul metrò di Lima, guarda caso sono stati tutti climatizzati...), con il risultato che, passando con il treno per andare (o tornare) ad Ostia, si assiste al vergognoso spettacolo (vedibile quando si passa nei pressi del deposito della Magliana) di una quantità di treni enorme...di cui buona parte è ferma per guasti o altri problemi. Mi ricordo quando fu inaugurata la metro A, nel 1980: parlando con un tecnico della neonata metropolitana, gli chiesi come mai non fossero state raccordate tra loro le due linee A e B nei pressi di Termini, e mi rispose: "Per carità, meno male con lo hanno fatto, se no a Magliana si prendevano tutto il nostro parco treni, dato che non riparano nulla, là!": la battuta la dice lunga (all'epoca, figuriamoci oggi...). Che poi, nonostante l'assenza di detto raccordo, la metro A prestò lo stesso nei primi anni Ottanta molti treni serie MA100 alla B ed alla Lido (me li ricordo benissimo, in livrea arancione, circolare sulla B e per Ostia), per rimpiazzare temporaneamente il materiale serie MR 100 e 200 che doveva andare in revisione, in quanto necessitava anche di un rimpiazzo totale dei carrelli originali, tipo Brill-97E, che furono tutti sostituiti con i moderni TIBB M106. Infatti, chiudo con una curiosità da raccontare: quando si decise di mettere i treni serie MA100 sulla Lido, nella prima metà degli anni Duemila, dato che la linea A stava ricevendo i nuovi CAF, ebbi occasione di visitare le officine di Osteria del Curato della linea A. Ebbene, rimasi sorpreso nel vedere che i lavori di adattamento delle MA 100 necessari per passare dalla A alla Lido li facevano essenzialmente non a Magliana, come tutti noi pensavamo, ma...ad Osteria del Curato stessa, nonostante la presenza delle dianzi citate Officine Grandi Revisioni di Magliana, che secondo i politici dell'epoca sarebbero state in grado pure di revisionare treni di altre metropolitane in Italia...ogni ulteriore commento credo sia superfluo.