Comitato Pendolari Roma Ostia: martedì 15 ottobre assemblea pubblica ad Acilia

Comitato Pendolari Roma Ostia: martedì 15 ottobre assemblea pubblica ad Acilia


Il Comitato Pendolari Roma-Ostia ha organizzato un’assemblea pubblica che si terrà martedì 15 ottobre, dalle ore 18, in piazza Capelvenere ad Acilia, per fare il punto sulle condizioni della linea dopo l’ennesima giornata di passione che si è verificata venerdì 11 ottobre.



“L’insostenibile leggerezza di Atac, Regione Lazio e Comune. Il carrozzone della Roma Lido affonda in un mare di inefficienza e mala gestione”, si legge in una nota del Comitato Pendolari Roma-Lido.

“Venerdì 11 Ottobre ha partorito l’ennesima infausta conclusione di una settimana di passione sulla Roma Lido, che continua a confermarsi una pessima linea, con i passeggeri prigionieri a centinaia, costretti ad affrontare linee saltate, vetture malsane al limite dei carri bestiame, con frequenza a 20 minuti e inadatte nella gestione del flusso di centinaia di pendolari che ogni giorno sono incolpevolmente trattati come cavie da macello”, spiega la nota.

"Per non stare solo guardare: “MARTEDÌ' 15 DALLE ORE 18 ad Acilia, in piazza Capelvenere, P1” Assemblea del COMITATO PENDOLARI ROMA OSTIA.

L'odg è: - Analisi dello stato dell'arte, - individuazione iniziative a sostegno delle battaglie dei pendolari del X Municipio - Varie e eventuali. Richiesta la massima partecipazione", conclude la nota.

Da OstiaTV



Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Tutto giusto; solo su un punto vorrei fare una precisazione. Di "vetture malsane" non ce ne sono, sulla Lido: c'è piuttosto un parco treni che, pur essendo moderno, non è molto adatto al "profilo di missione" suburbano tipico della Lido, e che, pertanto, vi "lavora male". Detto parco treni è composto da convogli tipo CAF S/300, serie MA300, che sono comunque treni nel complesso affidabili e validi, nonchè dai treni serie MA200, convogli questi che, pur essendo stati innovativi, pagano il prezzo delle loro caratteristiche con la scarsa affidabilità che, nel tempo, hanno purtroppo sempre dimostrato. D'altra parte sono ancora relativamente moderni, quindi non appare conveniente (a causa anche del concetto di "massimizzazione dell'ammortamento") una loro sostituzione: occorre che l'ATAC, in collaborazione con la ditta costruttrice (AnsaldoBreda, oggi Hitachi Rail Italy), esamini le opportune modifiche e migliorìe da fare per migliorarne l'affidabilità, cosa che in parte già ha fatto, ma a quanto pare con risultati ancora non del tutto soddisfacenti. La Roma-Lido avrebbe principalmente bisogno di un consistente lotto di nuovi treni con caratteristiche adatte ad essa, nonchè di ricreare, a monte, un efficiente apparato manutentivo fatto di maestranze e tecnici altamente specializzati (ed anche motivati), nonchè di idonee attrezzature, visto che l'Officina Grandi Revisioni di Magliana è praticamente diventata, ormai, l'Officina Grandi Illusioni...vedremo, poi, cosa succederà dal 2021, quando la gestione della ferrovia passerà dall'ATAC alla COTRAL, azienda quest'ultima che si sta efficacemente risanando e migliorando, e che si spera possa migliorare efficacemente la gestione della ferrovia in oggetto. In ogni caso, dubito che in tempi brevi si possano avere consistenti miglioramenti del servizio, perchè appunto mancano, almeno per ora, i presupposti base per realizzarlo.