Roma-Lido: ragazzini vandali, macchinista costretto a fermare il treno

Roma-Lido: ragazzini vandali, macchinista costretto a fermare il treno


Tre minorenni tra i 13 e i 15 anni sono stati denunciati per attentato alla sicurezza dei trasporti e interruzione di pubblico servizio



Avevamo anticipato l'immagine su Insta Tram ieri, ora vediamo la storia come si è svolta.

Forse per noia o per postare le immagini sui social. 

Questa la motivazione che avrebbe spinto tre minorenni, due 13enni e un quindicenne, a posizionare sui binari della Roma Lido assi di legno, massi, tubi e addirittura la rete di un letto singolo.

Un atto vandalico che lo scorso 24 settembre avrebbe rischiato, addirittura, di provocare il deragliamento del treno se il macchinista non si fosse accorto del gesto e fermato la corsa tra le stazioni Castel Fusano e Stella Polare.

A bloccare i tre sono stati gli addetti alla vigilanza della stazione che hanno successivamente allertato i carabinieri di Ostia. 

I minorenni sono stati quindi identificati e denunciati. 

Da Roma Today




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Più che una denuncia ai responsabili, che tanto non serve a nulla, forse quattro schiaffoni ben dati, specie da parte dei genitori, non guasterebbero (forse una denuncia la meriterebbero invece i genitori per "culpa in vigilando"). A noi, di un'altra generazione, un gesto del genere ci sarebbe costato una scarica di ceffoni ben dati, a due a due finchè non diventano dispari (non so se mi spiego): vi assicuro, che spesso, sono molto educativi. Purtroppo sembra che, oggi, sia proibito dalle leggi vigenti in materia: tra un po' sarà proibito pure dirgli: "Birichino! Non lo fare più, eh?!".
Anonimo ha detto…
Io proporrei le leggi di Singapore: per atti di vandalismo sono previsti una multa, il carcere e dai tre agli otto colpi di bastone. Vedi come passa la voglia di fare certe cretinate.