Metro Repubblica, la nuova scala mobile sarà attiva a ottobre

Metro Repubblica, la nuova scala mobile sarà attiva a ottobre


Annunciata la fine dei lavori «tra poche settimane», a un anno dall’incidente con 24 tifosi russi feriti mentre erano sull’impianto che si è guastato. I russi stavano andando allo stadio Olimpico



Nel caos delle scale mobili della metropolitana — al centro di un’inchiesta sulla sicurezza che ha travolto Atac e il precedente manutentore Metroroma — resta sempre un caso la fermata Repubblica, cancellata per otto mesi dopo l’incidente dei tifosi russi del 23 ottobre 2018 e riaperta senza che però fossero riparate e riattivate proprio quella scala mobile e la sua vicina, che erano state anche la causa della sua chiusura. 

Servirà, informa oggi Atac, ancora «qualche settimana di lavori».È dunque possibile che si arrivi, così, ad ottobre: un anno, per aggiustare la scala.

La fermata ha riaperto a giugno, per la gioia di passeggeri e negozianti, dopo 246 giorni - 8 mesi appunto - di incredibile stallo, un tempo che sarebbe dovuto servire secondo le prime versioni ufficiali a costruire dei pezzi di ricambio apparentemente introvabili e che invece, si è scoperto poi, è diventato anche la somma di ritardi ed inerzie negli ordinativi. 


Caso chiuso con la riapertura? Non proprio, perché - chi frequenta la stazione nota la stranezza - in effetti non sono ancora state aggiustate le uniche due scale mobili che avevano reso necessaria la chiusura di tutta la stazione, quelle teatro dell’incidente. 

Da fine giugno, cioè, da quando il comitato negozianti ha festeggiato con una grande torta la riattivazione di una fermata vitale per le loro attività, funzionano le quattro scale che avevano mostrato anomalie ai dischi frenanti durante quegli otto mesi di controlli ma non le due «incriminante».

Perciò qual è il problema, adesso, dopo tutto questo tempo che - in teoria - sarebbe servito per recuperare i pezzi di ricambio? Atac rassicura sul fatto che gli operai sarebbero al lavoro. 

Su una scala, quella non collassata, gli interventi sarebbero finiti e ora si dovrebbe avviare la solita procedura di collaudo che terminerà col nullaosta del ministero dei Trasporti. 

Sulla scala incidentata, invece, i lavori proseguono: ancora «qualche settimana», dice l’azienda, e poi anche qui si dovrà aspettare il ministero. 

Il fatto è che gli sforzi, e quindi anche gli operai, sono tutti concentrati su Barberini, l’altra stazione del centro sequestrata a marzo, ritenuta più «urgente» perché a differenza di Repubblica - senza due scale sì ma comunque funzionante - non è stata ancora riaperta: Atac spera di riuscirci a novembre.

Da Corriere della Sera



Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti