Meleo: “Bus lenti, ma dal governo fondi per Roma”

Meleo: “Bus lenti, ma dal governo fondi per Roma”


Linda Meleo, assessora ai Trasporti della giunta Raggi, ha rilasciato un’intervista all’edizione romana de La Repubblica. Ecco le sue considerazioni:



Sulle attese in fermata – in media 20 minuti secondi i dati Movit, subite dai passeggeri dei mezzi pubblici: “Ne siamo consapevoli. Purtroppo pesa il trasporto su gomma, i bus. Come se ne esce? Da una parte con i nuovi veicoli: ne abbiamo acquistati 227 e ordinati altri 97. Dovrebbero arrivare entro aprile. Poi ci sono altri 30 milioni per comprarne ancora via Consip”.

Sul caso dei bus turchi e israeliani: “Il Tar si pronuncerà a dicembre. Per ora Basco, il fornitore, ha ottenuto una sospensiva sulla nota con cui la motorizzazione ha detto “no” ai diesel euro 5. In ogni caso ci sono i nuovi bus, poi si vedrà se Atac avrà ancora bisogno di quei mezzi”.

Ancora sui tempi di attesa: “Nel breve periodo arriveranno nuove corsie protette, corridoi come quelli di Marconi e Portuense. Sul traffico vogliamo avere presto risposte positive. Le preferenziali non piacciono ai residenti? 

Gli utenti del trasporto pubblico sono contenti. Sul lungo periodo, invece, c’è un gap da colmare. 

A Roma mancano infrastrutture: tram, metro, funivie, people moover. Aspettiamo il via libera del Mit sugli interventi che abbiamo già proposto”.

Sull’aumento delle strisce blu: “Si farà. Prima bisogna recuperare sul trasporto su gomma e spingere ancora sulla sharing mobility”.

Da Lavoro Lazio

Opinioni? Lascia un tuo commento nel box qui sotto




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
A Roma non mancano solo tramvie, metropolitane e funivie (di quest'ultime, poi se ne sente una forte mancanza...) ma cervello, competenza, razionalità e logica da parte di chi la governa.