Codacons: Raggi - propaganda inutile che rallenta servizio di trasporto pubblico

Codacons: Raggi - propaganda inutile che rallenta servizio di trasporto pubblico


Scatenato da Mercurio Viaggiatore, anche il Codacons si scaglia contro il tour littorio di Virginia Raggi ed i fantastici nuovi bus: “Si tratta di mera propaganda che rischia di creare un danno ai cittadini"



Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, dalla sua pagina Facebook ha annunciato per domani la presentazione di nuovi autobus a Primavalle, nella zona nord-ovest della nostra città.

Una iniziativa che fa seguito ad altri eventi analoghi organizzati nelle settimane scorse nella capitale per pubblicizzare i nuovi mezzi che entrano nella flotta Atac, ma che non convince il Codacons.

“Si tratta di mera propaganda che rischia di creare un danno ai cittadini – spiega il presidente Carlo Rienzi – In occasione della presentazione degli autobus, infatti, mezzi e autisti vengono bloccati per ore e non possono circolare, con conseguente riduzione del servizio di traporto pubblico e un danno per gli utenti che subiscono così ritardi e riduzione delle corse”.

“Farebbe meglio il Sindaco ad evitare simili carnevalate, mettendo da subito a disposizione della città i nuovi autobus che possono essere tranquillamente annunciati sul sito del Comune e sui social network, ottenendo il medesimo risultato” – conclude Rienzi.

Comunicato Codacons




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Concordo con la protesta del CODACONS. Tra l'altro, aggiungo che privilegiare il mettere nuovi autobus in zone dove l'evasione tariffaria è, molto probabilmente, quasi totale e, tra l'altro, sono frequenti atti vandalici contro i bus (lanci di sassi compresi) mi sembra fuori luogo: in pratica, si premia chi si comporta incivilmente. Tanto poi l'incivile ed il selvaggio, qui a Roma, la fanno praticamente sempre franca, per un motivo o per un altro.