La sauna del Lido

La sauna del Lido


Sulla Roma-Lido pur di rispettare, o far finta di rispettare l'orario programmato, si buttano in pista treni indecenti. Vi racconto la storia di Simona.


Alle cinque e mezza di martedì 9 luglio ricevo questo tweet a dir poco inquietante





Chiedo maggiori informazioni sul tipo di treno, sperando di non ricevere questa risposta.



Il treno in questione è un Caf ed è quanto di meglio la Roma-Lido possa offrire al momento, ma sfortunatamente questi treni sono sigillati, per cui, senza aria condizionata, all'interno si muore di caldo, infatti:



Senza tornare ai fasti delle sassate del 2015, @Attaccatialbus si è ricordato che due anni fa è finita a pugni col macchinista, ad Acilia, mentre 3/4 persone riprendevano i sensi sulle panchine in banchina...

Il finale lo lascio sempre a Simona che, avendo vissuto in prima persona questa disavventura, ha sicuramente le parole migliori




Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Io infatti dico questo: per carità, ben venga l'aria condizionata anche sui treni regionali, a condizione però che ci sia, a monte, un apparato manutentivo in grado di tenerla efficiente. Non essendo così a Roma, treni come i CAF si dovevano ordinare con i finestrini apribili a vasistas con chiave quadra, cosicchè, in caso di guasto dell'impianto di condizionamento, il treno può fare servizio aprendo tutti i finestrini. Ora è vero che i CAF dispongono di un impianto di ventilazione di emergenza, ma potrebbe essere insufficiente al caldo estivo. Poi, siamo alle solite: si tratta di treni progettati per lavorare fondamentalmente in galleria (metro A), non all'aperto come appunto sulla Lido; quindi, anche se l'impianto di condizionamento ha ricevuto qualche modifica nel passaggio dalla A alla Lido, comunque detti treni rimangono non adatti a quella ferrovia anche sotto questo aspetto. Ed infatti, quando c'erano i treni serie MR (ma anche ai tempi di locomotore e carrozze, che io ricordo molto bene), non c'erano problemi: in estate si aprivano tutti i finestrini e basta, senza problemi di gente che si sentiva male, perchè l'aerazione era comunque sufficiente a garantire un clima tutto sommato adatto ad esseri umani, non ai cammelli africani...ma ormai sappiamo come si ragiona a Roma: basta che il treno sia nuovo e tutto va bene, anche se non adatto ad una carta linea...