Atac: ancora record di controlli e multe


Come fai a non amarla? Atac: +43% di multe rispetto al 2018, 650 al giorno, verbali pagati in aumento del 127%. controllati quasi due milioni di passeggeri. Un'attività frenetica che porterà l'azienda fuori dalle sabbie mobili?



“Continua anche nel mese di giugno il trend positivo nelle attività di Atac di contrasto all’evasione tariffaria. 

Rispetto a giugno 2018, infatti, le multe sono aumentate del 37%, raggiungendo quota 18.531.

Complessivamente il mese scorso sono stati controllati oltre 301 mila passeggeri, per una media superiore ai 10 mila al giorno. 

In notevole crescita anche il numero dei verbali pagati entro i primi cinque giorni, più che raddoppiato (+135%)”. 

Lo comunica Atac in una nota. 

“I dati di giugno completano un semestre che ha visto risultati molto positivi – aggiunge Atac - in totale sono stati controllati quasi due milioni di passeggeri, in aumento del 33% rispetto al primo semestre 2018, con una media superiore ai diecimila al giorno, e sono state elevate 116.879 sanzioni, in media circa 650 al giorno, il 43% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. 

I verbali pagati entro i primi cinque giorni sono in crescita del 127%”, conclude.

da AskaNews

Le percentuali sono fantastiche, poi in numeri assoluti vedi che sono state elevate 18.531 multe in 6 mesi nel 2019 e, rispetto al milione di utenti che quotidianamente si spostano con i mezzi pubblici (dato letto sui monitor della metro, me secondo me molti meno), questa è una goccia nel mare.

Utile, ma sempre una goccia


Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Rimane il discorso di base: il problema va maggiormente affrontato a monte, della serie "se non paghi non sali", invece di gestirlo a valle. L'ATAC dovrebbe imparare dalla COTRAL: salita solo davanti e autista-controllore. Certo, sulle linee autobus urbane a forte traffico non è attuabile, ma su quelle a scarso traffico e/o ultraperiferiche la cosa sarebbe fattibile. La domanda sorge spontanea: perchè non lo fanno?