Pigneto, il nodo ferroviario fantasma


Fidarsi dei tempi della pubblica amministrazione è sempre più una scommessa in perdita: dovevano durare 75 giorni. Siamo arrivati a superare i 700. E i lavori veri e propri non sono neanche partiti. 



È la molto futura Stazione Pigneto, nodo di scambio previsto fra la ferrovia FL1 - quella Orte-Fiumicino aeroporto, per intendersi, e che passa per le principali stazioni romane, Nomentana, Tiburtina, Ostiense, Trastevere, Magliana - e la Metro C. Dopo Termini e Tiburtina, Pigneto sarebbe il terzo snodo per importanza di Roma.  

Il progetto iniziale prevede che la ferrovia venga coperta con una piastra posta sopra i binari con la funzione di piazza/giardino in modo tale da ricucire il quartiere oggi diviso in due parti dalla ferrovia. 

Erano previste 6 fasi di cantiere (poi passate a 7), tutte studiate per ridurre al minimo l’impatto sulla zona. 

La prima fase era quella di preparazione dell’area, spostando tutti i sottoservizi, cavi, tubature, linee telefoniche e via dicendo. 

E doveva essere completata nell’estate del 2017.

In realtà, i lavori è come se non fossero mai iniziati. In due anni si è lavorato solo sul lato est della circonvallazione Casilina, quello rivolto in direzione periferia. 

E, dopo due anni si intravede appena appena la fine del cantiere, il timore è di ripetere l’odissea anche sull’altro lato della stazione, nel lato verso Porta Maggiore. 

E siamo ancora alla fase uno. Occorre arrivare a completare la fase 7. 

Da cronoprogramma, iniziando oggi la fase due, occorrerebbero altri 740 giorni per vedere la stazione aperta e funzionante. 

Un quadro desolante e che ben spiega la diffidenza verso i cronoprogrammi stilati dalle pubbliche amministrazioni la cui affidabilità è pressoché nulla...

Continua su Athos o della limpidezza

Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti