Atac: La fabbrica del disagio

La fabbrica del disagio: Ogni maledetta mattina, dalle 7, a Dragona, prendere lo 04B è un'impresa - Fermata Metro Re di Roma. Quello a sinistra non è marmo lucido, ma una pozza d’acqua - Se 6 minuti di attesa ATAC corrispondono a 10 minuti umani, a quanto corrispondono - 2 settimane (nuovi bus) - Dove si pretende il pagamento per un servizio del genere?






Iscriviti alla newsletter! Se desideri rimanere aggiornato, inserisci il tuo indirizzo email.

* indicates required
Email Format




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
...e bisogna starsi pure zitti e subire, se no ATAC si offende e dice che ne intacchiamo l'immagine! Capite che razza di presunzione?! Roba che, quando la stessa si chiamava ATAG (Azienda Tramvie ed Autobus del Governatorato), ossia tra la fine degli anni venti e la prima metà degli anni quaranta, riceveva qualcosa come circa 150 lettere di protesta al fiorno. E si era in un periodo storico in cui si dice che "non si poteva fiatare". Ora, invece, che (teoricamente) si può fiatare, l'ATAC minaccia quasi azioni legali contro chi si permette di criticarla, di offenderne il buon nome. Ma facesse un po' di autocritica ed imparasse un po' di umiltà, chi la "dirige" oggi. Le azioni legale le facesse piuttosto contro vandali e simili, sarebbe molto più intelligente e costruttivo.