Roma, principio di incendio su un autobus Roma Tpl

Roma, principio di incendio su un autobus Roma Tpl
Foto tratta dal gruppo whatsapp di utenti della linea 985 - da @SteMa80


Roma, principio di incendio su un autobus Roma Tpl della linea 985, è accaduto alle 8.27 del 3 maggio. Questo è il settimo caso tra Atac e Roma Tpl e l'undicesimo se sommiamo anche Cotral.



Principio di incendio venerdì 3 maggio mattina su Via di Boccea a bordo della vettura 9517 della rimessa di Maglianella, un BMB Avancity+ del 2011 - uno dei primi bus di Roma Tpl -  in servizio sulla linea 985 che collega le stazioni ferroviarie di Balduina ed Aurelia.

Dalla foto è evidente di come sia bastato l'intervento dell'autista con l'estintore, pertanto la vettura è recuperabile.

Questa è la terza vettura della serie ad andare in fumo, infatti la 9518 e la 9592 in questi anni sono già andate in fumo, tutti i dettagli su Autobus di Roma




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Io continuo a non capire una cosa importante: ma è mai possibile che mezzi moderni come questi non abbiano un impianto anticendio automatico azionato da rivelatori termosensibili? E che diamine, ma è inconcepibile. Io ho una certa età e mi ricordo gli autobus di quando ero bambino, negli anni settanta: FIAT 410, Lancia Esagamma 718, FIAT 418 e 421, nonchè, negli anni ottanta-novanta, INBUS U210, IVECO Effeuno e Turbocity; beh, non mi pare affatto che tutti questi gruppi di autobus andassero a fuoco con frequenza. Eppure, certi modelli di quelli dianzi citati, come i Lancia 718, non è che fossero tanto riusciti come modelli di autobus, e talvolta, magari, surriscaldava l'acqua del raffreddamento del motore, ma molto raramente si incendiavano, quasi mai. E certamente non avevano i sistemi di sicurezza che dovrebbe ormai avere un autobus attuale, come materiali autoestinguenti ed a prova di fiamma, impianti antincendio, ecc. Allora, o qui gli autobus non li sanno più progettare e costruire come una volta, o la scarsa manutenzione regna sovrana, opppure...non lo so.
In conclusione del discorso, vi posto un link ad un interessante sito dove sono descritti i modelli di aurobus che ho prima nominato:

http://www.tramroma.com/autobusroma/rete_urb/autobus/aut_ind2.htm