Roma, metro Spagna: verifiche lunedì e riapertura subito dopo

Roma, metro Spagna: verifiche lunedì e riapertura subito dopo


La stazione è chiusa dal 23 marzo in via precauzionale dopo il sequestro della metro Barberini: venerdì scorso c'è stato un incontro tra i tecnici di Atac e del Ministero dei trasporti. Forse c'è luce in fondo al tunnel



Un passo concreto, e molto atteso, verso la riapertura della metro Spagna. venerdì, durante l’incontro tra tecnici di Atac e del ministero dei Trasporti, è stato ufficializzato che i controlli di sicurezza propedeutici appunto alla riattivazione della stazione si terranno lunedì e martedì e così, anche se nessuno ormai si sbilancia più sulle date, se tutto va bene viene considerata certa una riapertura da mercoledì o comunque entro la fine della prossima settimana. 

Se tutto va bene perché, è ovvio, proprio questi controlli devono approfondire le reali condizioni delle scale mobili e quindi la stazione riaprirà a patto che, al termine delle verifiche, tutto risulti in ordine.

Tantissime promesse, tantissimi rinvii. Dal 23 marzo, da quando questa stazione è stata chiusa in via precauzionale dopo il sequestro della metro Barberini, anche Spagna – come Repubblica – aspetta un’apertura che tutti, ogni giorno, davano e danno come «imminente» e che però, alla fine, slitta sempre. 

Chiusa anche a Pasqua, nonostante le rassicurazioni in senso contrario dell’assessora Linda Meleo, e chiusa anche per il ponte di maggio. Per questo, dicevamo, nessuno oggi prende impegni col calendario.

Però, in effetti, rispetto a prima questo incontro tra Atac e Ministero segna finalmente una svolta positiva, dovuta anche alla sostituzione del dimissionario responsabile di esercizio di Atac che aveva messo un freno alla luce delle prescrizioni aggiuntive richieste da Otis, la casa costruttrice delle scale mobili. 

Ora, questi ostacoli sembrano cadere, come dimostra il fatto che proprio l’Ustif, l’organismo di controllo del ministero dei Trasporti che per ultimo deve verificare la situazione prima della riattivazione degli impianti, effettuerà i controlli lunedì e martedì. 

Se non emergeranno criticità, come i tecnici pensano, da mercoledì – ed entro la fine della settimana – ogni giorno potrebbe essere quello sperato, il giorno della tanto attesa riapertura.

Per quanto riguarda le altre due stazioni, invece, non ci sono novità. Per Repubblica il Comune – almeno fino a giovedì – confermava una data entro il 10 maggio, ma del resto nessuno fa più promesse e così nessuno ci crede più, soprattutto i commercianti che dopo l’ennesimo incontro mancato con l’assessora Meleo si sono chiusi nel silenzio stampa. 

«Purtroppo, la verità, è che non gliene frega niente a nessuno di questa situazione surreale – è la conclusione di uno dei commercianti, Angelo Mantini – io mollo, contro l’immobilismo di Atac non c’è speranza, mesi di proteste e non è cambiato nulla, ritorno alla mia vita». 

Barberini, infine, è sempre sotto sequestro: i lavori, qui, non sono neppure cominciati.

Da Corriere della Sera



Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti