La Commissione Mobilità sulle scale mobili

La Commissione Mobilità sulle scale mobili


Si è da poco conclusa la Commissione Mobilità sulle scale mobili e la chiusura delle stazioni di Spagna, Repubblica e Barberini, vediamo come è andata dall'Agenzia di Stampa DirettamenteRoma



Buongiorno a tutti/e, siamo qui in Commissione Mobilità. Tema del giorno: chiusura stazioni Metro A. Siamo in attesa dell'arrivo di tutti i consiglieri.

Calabrese (5S): Piccola premessa. Come ricordate bene, Repubblica fu sequestrata l'anno scorso a seguito di un incidente in cui restarono coinvolti tifosi arrivati per una partita di calcio. 

Tempo fa invece, durante una commissione con Lavori Pubblici, ci arrivò la notizia della rottura di un elemento di una delle scale mobili a Barberini, e della conseguente chiusura. Ho chiesto tempo fa ad un responsabile dell'impresa addetta ai lavori il perchè dell'alta frequenza di questi incidenti. 

E mi era stato risposto che lui era responsabile solo degli ascensori. In seguito, l'impresa ci ha spiegato che questo tipo di incidenti a volte accade per le cattive abitudini dell'utenza. 

L'azienda ha proceduto con la revoca del contratto. Potranno continuare ad occuparsi della manutenzione fino a quando non ci sarà un cambiamento, come un nuovo affidamento.

Presente Assessora Meleo: Voglio affrontare questo tema in maniera aperta. Sappiamo che questo contratto di manutenzione non è andato bene. Abbiamo visto tutti gli esiti dei lavori, soprattutto nelle stazioni centrali. Stazioni dotate solo di scale mobili, e non scale fisse.

Dopo il secondo incidente a Barberini, abbiamo preso visione dell'accaduto e la causa era stata il distacco di un perno, che ha portato all'accartocciamento della scala mobile.

Abbiamo richiesto un intervento radicale ad Atac. Intanto la manutenzione straordinaria è affidata al produttore delle scale mobili, che sta effettuando i controlli. Sta valutando punto per punto quali saranno i lavori da effettuare

Sapete che abbiamo intensificato il servizio bus fra queste stazioni per ovviare al problema. Una volta riaperte le stazioni, non si dovranno più ripetere situazioni di rotture sistematiche.

Calabrese (5S): le scale mobili di cui stiamo parlando sono state installate una decina di anni fa. So che l'attuale azienda a cui è stata temporaneamente affidata la gestione è una delle migliori a livello europeo.

Uffici ATAC: A metà 2016 è partita la gara che ci ha portato poi ad affidare l'appalto a MetroRoma. Non avevamo ragione per non affidare loro l'appalto, visti i costi e l'offerta. A maggio 2017 è stato stipulato il contratto.

Ci teniamo a sottolineare che la recente revoca del contratto non è stata causata dagli incidenti delle metro. Abbiamo valutato e riscontrato nel tempo che MetroRoma non aveva rispettato alcuni lavori e parametri fissati nel contratto. A seguito delle chiusure delle stazioni, il 25 marzo, abbiamo visto la possibilità di risolvere il contratto sulla base della violazione di alcuni obblighi non rispettati da MetroRoma.

Siamo partiti subito con una nuova procedura di negoziazione urgente, vista la situazione creatasi. Ci siamo rivolti appunto ai costruttori degli impianti. La gara è sostanzialmente conclusa, e l'aggiudicamento verrà confermato e pubblicato entro questa settimana. Non abbiamo avuto tempo per fare una gara, vista l'urgenza. Il contratto sarà di un anno.

Abbiamo sottoscritto con i produttori, Otis, una campagna di controlli e verifiche dei loro impianti, che sono 23.

Abbiamo voluto rivolgerci ad un soggetto che possa dirci come stanno messi gli impianti, a partire da Spagna, Barberini, fino alle restanti stazioni. Ci sarà una priorità per le stazioni chiuse. Abbiamo chiesto loro di far venire gli ingegneri e progettisti degli impianti. Alla fine dei controlli riceveremo da Otis una scheda, una diagnosi ed una prognosi, per ogni impianto, in modo da sapere come muoversi.

A Spagna stiamo progettando una pianificazione per la riapertura. Otis ci ha consegnato le verifiche di 4 scale, e per domani pensiamo di ricevere la 5. Pensiamo di poter riaprire la stazione entro questa settimana

Calabrese (5S): A Barberini e Repubblica com'è la situazione?

Uffici ATAC: Entro questa settimana saremo in grado di fare la stessa previsione che già oggi stiamo facendo per Spagna. Riceveremo ogni dettaglio per Repubblica, e la prossima settimana vedremo se saremo in grado di dirvi quello che stiamo dicendo oggi per Spagna

Calabrese (5S): In seguito ad uno degli incidenti, durante un nostro sopralluogo, avevamo notato l'assenza di un presidio di controllo, soprattutto negli orari di punta. Il contratto prevedeva la presenza fissa di questi presidi?

Uffici ATAC: Il contratto prevedeva un tempo di intervento massimo e uno di risoluzione. Non prevedeva presidi fissi per ogni stazione.

Uffici Dip. Mobilità: il nostro compito era quello di sollecitare di Atac per gli interventi. In questo momento c'è un servizio aggiuntivo giornaliero di 190 corse in centro, con una frequenza di 6/7 minuti per evitare disagi causati dalle chiusure delle stazioni.

Repubblica non ci ha creato grandi disagi. Spagna invece ha il problema dell'accesso esclusivamente in zona pedonale. L'utenza che stiamo servendo è dinamica. Adesso, con l'arrivo di un maggiore turismo, dovremo analizzare bene le cose. Spagna diventa un hub importante a livello turistico nelle ore di punta

Chiossi (5S): Molti utenti e cittadini mi hanno segnalato l'impossibilità e la difficoltà nel prendere queste navette sostitutive.

Mennuni (FdI): Aspettavamo questa commissione. In questi mesi abbiamo visto di tutto. Ben vengano tutti gli atti. Purtroppo a Roma abbiamo queste tre stazioni senza scale mobili fisse. Pensavamo e speravamo che oggi si avessero risposte certe in merito all'apertura. E invece dovremo ancora attendere.

Uffici Atac: Ripetiamo che entro questa settimana pensiamo e speriamo di riaprire Spagna. Sapremo anche le condizioni di Repubblica, che pensiamo di riaprire in tempi brevi

Mennuni (FdI): È stata valutata la possibilità di mantenere aperte le stazioni ma con gli impianti fermi? O non avrebbero potuto sopportare il peso? Magari mettendo qualche cartello e visto il centro di Roma bloccato. C'è un vincolo di sicurezza che lo impedisce?

Uffici ATAC: non è gestibile ed è difficoltoso tenere aperte delle stazioni con scale mobili ferme come via di uscita ed entrata. Nelle disposizioni emanate in seguito alle chiusure, era stata chiaramente scritta l'impossibilità di utilizzare le scale mobili. 

Zannola (PD): Su Spagna abbiamo la certezza di apertura, ma non un cronoprogramma per le restanti due.

Uffici Atac: Tra martedì e mercoledì l'Ustif (Ufficio speciale trasporti a impianti fissi) ultimerà le proprie attività a seguito del lavoro preliminare fatto da Otis riguardo Spagna

Mennuni (FdI): Quindi era così necessaria la chiusura di Spagna?

Uffici Atac: "fra qualche giorno potremo analizzare tutto e capire meglio

Paciocco (5S): Io continuo a non trovare giusta la decisione di chiudere così una stazione. Se qui si dice che sono state fatte operazioni di messa in sicura, significa che prima non erano sicure? Non può passare così. Almeno a Spagna si deve capire cosa è successo.

Uffici ATAC: Non è adesso il momento perchè non abbiamo una radiografia completa di quello che Otis ha rilevato sulle scale mobili di Spagna. Attualmente ci sono all'opera 14 operai e ingegneri specializzati che stanno agendo fra Barberini e Repubblica. Parliamo di una multinazionale presente in tutto il mondo, e che ha messo subito a disposizione queste risorse.

Calabrese: Ad oggi, ci sono telecamere che possano escludere atti di vandalismo? Inoltre la cittadinanza dovrebbe essere messa al corrente, per quanto possibile, riguardo quello che è accaduto, sta accadendo e accadrà. Un po' quello che stiamo dicendo oggi. Atac dovrebbe intervenire e renderlo un proprio punto di forza.

Uffici ATAC: abbiamo due telecamere per ogni scala mobile e consentono di vedere l'afflusso. Non sappiamo se la Magistratura abbia richiesto le registrazioni. Però ecco, tutte le scale mobili sono sorvegliate h24.

Presenti anche uffici di Confcommercio: È stato tutto devastante per le attività produttive. Non solo vicino alle stazioni, ma anche fino ad Anco Marzio o Ripetta. Siamo contenti di questa riunione e pensiamo sia fondamentale l'informazione a monte. Adesso stiamo entrando nell'alta stagione ed aumenterà sicuramente il turismo. Deve cambiare il modo di informare e di spiegare, altrimenti non si sottolinea il lavoro svolto dall'amministrazione.

Dopo uno scambio finale di battute, si chiude la commissione con una notizia importante riguardo Spagna.

#DirettamenteRoma è l’agenzia di stampa popolare su canale Telegram aperto in cui vengono trasmesse in diretta testuale le discussioni di commissioni capitoline, municipali e consigli cittadini.

È completamente accessibile all'indirizzo http://Telegram.me/direttamenteRoma e conta circa 300 iscritti.

A realizzare le dirette è Tommaso Caldarelli, giornalista romano, che costruisce il progetto con un piccolo team; le frasi che seguono sono riportate in presa diretta dalla discussione a cui ilgiornalista assiste di persona. Si tratta di un contenuto di natura giornalistica, espressione del diritto di cronaca di rango costituzionale. Qualsiasi eventuale precisazione, replica e aggiunta è possibile contattando il giornalista su Telegram (@tomcal) o per email (Tommaso.caldarelli@gmail.com)

Contenuto rilasciato in licenza Creative commons 4.0 attribuzione-non commerciale-non opere derivate. 

Se ne fai uso, per favore cita la fonte: Tommaso Caldarelli / #direttamenteRoma






Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti