Commissione congiunta Lavori Pubblici ed Urbanistica sullo Stadio della Roma - Il Verbale

Commissione sull'annullamento dell'interesse pubblico dello Stadio della Roma


Giovedì 18 aprile ore 11:30 Commissione congiunta Lavori Pubblici ed Urbanistica sullo Stadio della Roma, Tor di Valle. In particolare era in discussione la proposta di annullamento della dichiarazione di interesse pubblico dello stadio. Vediamo come è andata



Il verbale è stato steso da #DirettamenteRoma, l’agenzia di stampa popolare su canale Telegram aperto, in cui vengono trasmesse in diretta testuale le discussioni di commissioni capitoline, municipali e consigli cittadini.


Agnello, Presidente commissione Lavori Pubblici, dà inizio alla commissione.

Presente il Dipartimento Simu e il Dipartimento PAU (Programmazione e Attuazione Urbanistica)
Iorio (5S): "tutti abbiamo ricevuto in tempo la delibera e i vari pareri. Si hanno i pareri dei Dipartimenti Mobilità e Urbanistica e della Ragioneria.

La parola passa ai proponenti. 

Grancio (gruppo misto): Non vorrei ripetere le stesse cose dette nell'intervento in commissione sport. I punti su cui oggi vorrei una risposta sono i conti, qualche considerazione sulla variante e la questione del parere secretato dell'avvocatura.

Nella precedente commissione Sport, il parere dell'Avvocatura era stato secretato dalla sindaca.

Noto con piacere che il parere del dip. Mobilità, che dice di non esprimersi, non risulta essere contrario. Ed è lo stesso dipartimento che aveva effettuato la richiesta di analisi al Politecnico di Torino.

Questa non contrarietà del dipartimento, la consideriamo un aspetto a favore della nostra proposta.

Tornando al discorso del parere dell'Avvocatura secretato, pensiamo che questo organismo non dovrebbe essere utilizzato per scopi politici
Stadio della Roma, Bozzi:
Anche il X Municipio deve
discutere l’utilità pubblica

È stato desecretato questo parere? Vorrei chiederlo agli uffici oggi presenti.

Parola a Fassina (SxR): Penso ci siano questioni trasversali che dovrebbero trovare delle risposte dagli uffici, prima di giungere ad un voto. Sul piano istituzionale c'è stato un utilizzo strumentale e di parte dell'Avvocatura. O si secreta tutto, o si rende tutto pubblico.

Insisto per andare avanti. Dovremmo conoscere il parere desecretato. Oppure diteci qui perchè non lo si può leggere. È incomprensibile. E data la situazione, diventa legittimo porsi dei dubbi. Mi rivolgo anche alle presidenti di commissione, siete d'accordo?. La vostra posizione politica è rilevante.

Inoltre, c'è un aspetto contraddittorio con la legge. Il proponente, AS ROMA SPV LLC, sempre per legge, deve essere una società sportiva, cosa che non è la società proponente in questo caso. Non è un aspetto irrilevante.

Grancio (Gruppo Misto): Questo aspetto non è stato sanato. Si ripropone nelle varie delibere lo stesso nome.

Ho anche trovato il dipartimento Mobilità evasivo e assente di fronte a questo progetto. Progetto su cui si sarebbe dovuti interessare ed essere più presenti. Nella relazione del Politecnico di Torino erano state evidenziate una serie di opere che avrebbero impedito il caso totale dal punto di vista della mobilità. 

Io chiedo, quali sono i costi di queste opere? A carico di chi saranno? Non è un dato di secondo ordine. Non si può andare avanti senza conoscere gli oneri aggiuntivi e a carico di chi sono. Prima di andare al voto sarebbe utile avere il parere desecretato. 

Mi rivolgo al capogruppo di maggioranza, secondo i giornali, un consigliere di maggioranza avrebbe incontrato l'Avvocatura e discusso riguardo le eventuali penalità. 

Dovrebbe essere consentito anche ai consiglieri dell'opposizione un incontro con l'Avvocatura per conoscere maggiori dettagli riguardo il tema penali.

Uffici PAU: il nostro parere ha trattato in 5 pagine tutti i punti della proposta oggi discussa

Iorio (5S): penso che non tutti abbiano letto il vostro parere. Chiedo agli uffici un chiarimento riguardo il motivo per cui si è arrivati alla fase pubblicistica, senza aver ancora portato in Aula la nuova variante del progetto per l'approvazione.

Uffici PAU: per quanto riguarda la variante urbanistica, la legge 147 prevede che interventi di varianti vengano approvati in conferenza servizi presso la Regione Lazio, in questo caso. Ne deroga l'adozione. Anche perchè sappiamo che per varianti urbanistiche normalmente si dovrebbe andare in Aula. Abbiamo utilizzato questa legge speciale.
Lo stadio non è fatto bene:
in municipio IX la relazione del
Politecnico scatena i malumori

Calabrese (5S): il progetto o il verbale di questa variante non ci sarebbe.

Uffici Pau: la Regione Lazio in una nota aveva chiuso la conferenza dei servizi, rinviando l'inserimento di adeguamenti.

Pelonzi (PD): già in passato, avevamo espresso dubbi riguardo questo voler agevolare l'inserimento di varianti urbanistiche tramite la legge 147. Oggi mi sarei aspettato di vedere gli assessori competenti per materia, anche per aiutare i consiglieri.

Noi non siamo contro lo stadio. Lo vorremmo fatto bene, e pensiamo che il progetto precedente dello stadio, nonostante alcuni dubbi, avrebbe proseguito tutto l'iter.

Prima di portare in Aula una variante, io consigliere dovrei sapere il proponente come intenderebbe procedere riguardo le controdeduzioni e le prescrizioni uscite fuori dalla conferenza dei servizi. Devo sapere come intenderebbero agire. Successivamente vorremmo avere e leggere il parere secretato dell'Avvocatura

Non avendo votato l'interesse pubblico per lo Stadio della Roma della Raggi, resto dell'idea che non ci sia tale interesse. E voteremo contrari. La legge 147, sulla spesa delle opere pubbliche ci deve essere un lato vantaggioso per l'amministrazione pubbliche. 

Nella delibera le spese del privato sarebbero circa 80 milioni, mentre il Comune ne dovrebbe spendere molti di più. 

Dubbi dagli altri consiglieri riguardo le cifre dette da Pelonzi.

Proporremo un emendamento, per ricominciare con una nuova procedura più adattata alla 147. Questo perchè società come A.S. Roma ed S.S. Lazio meritano impianti sportivi. Una volta annullata questa procedura, ne riapriamo un'altra dall'inizio. Non voglio indicare eventuali aree o altro.

Calabrese (5S): Rispondo a Fassina riguardo la mobilità. Il parere del Politecnico aveva descritto come catastrofica la situazione attuale. Con le opere inserite, si supererebbero questi elementi critici, ottenendo l'avallo del Politecnico.
Famo lo stadio ma non a Tor di Valle!

Chiederei ai consiglieri di evitare di fare domande politiche che dovrebbero essere fatte nelle sedi opportune, come le interrogazioni in Aula al sindaco.

De Priamo (FdI): Oggi come ci si vuole muovere? Votiamo?

Agnello (5S): Sì.

De Priamo (FdI): siamo sempre stati a favore di impianti per Roma e Lazio. Ma già all'epoca di Marino abbiamo trovato delle cose che non ci convincevano. Per coerenza, se la delibera di oggi ci chiede di annullare l'interesse pubblico del progetto, noi siamo favorevoli. 

Se Pelonzi chiede di far ripartire una nuova procedura, dovremmo fare molta attenzione a come muoverci.

Restano nodi aperti come il futuro della zona di Tor di Valle, del parco fluviale, dell'Ostiense-Via del Mare. Questi sono temi che non devono essere ignorati.

Credo sia opportuna un'approvazione della delibera di variante prima di procedere ad ulteriori fasi.

Si procederà al voto

  • Presenti 6 membri Lavori Pubblici. 1 favorevoli, 0 astenuti, 5 contrari.
  • Presenti 10 membri Urbanistica. 3 favorevoli, 0 astenuti, 7 contrari.

Presenti associazioni: Ci avrebbe fatto piacere intervenire prima della votazione finale. Questo progetto non  sarebbe dovuto arrivare in conferenza dei servizi.

Chiedete se il proponente abbia mai presentato progetti definitivi al Comune riguardo le opere a carico. 

Basti pensare al caso del Ponte di Traiano. Il nodo più grosso però è la legge sugli stadi, che ha come oggetto gli impianti sportivi, non stadi.  

E qui andiamo all'origine di tutto, quindi all'amministrazione Marino. La legge permette una deroga al piano regolatore. Ma è una deroga sull'intervento diretto. 

Il proponente presenta un progetto con il proprio stadio e la propria area con gli standard urbanistici all'interno della propria area. 

Il Comune legge il progetto e pretende una serie di valutazioni come l'inserimento del ponte, di lavori su strade e mezzi pubblici. 

Il proponente torna a casa e calcola eventuali costi in più per le opere da inserire a proprio carico. Salta fuori un secondo progetto. 

In questo secondo progetto erano presenti interventi al piano regolatore generalizzato, cosa che spetta al Comune e non al proponente privato per legge

Presente Italia Nostra: Italia Nostra è d'accordo con le osservazioni giunte al progetto. Andate a leggere le nostre osservazioni. Avevamo già negato l'interesse pubblico all'epoca di Marino, citando 10 punti poi usciti fuori in Conferenza dei Servizi.

Il Movimento avrebbe dovuto bloccare tutto il procedimento. In Conferenza avevamo chiesto che non ci fossero deroghe. Il rappresentante del governo ci diede la conferma, salvo poi inserirla per il rischio idrogeologico. Su questo faremo un esposto.

Non è possibile che con la scusa dell'interesse pubblico, si possa procedere senza intervenire

Si conclude la commissione congiunta con la bocciatura della proposta, e quindi a favore del mantenimento dell'interesse pubblico

#DirettamenteRoma è l’agenzia di stampa popolare su canale Telegram aperto in cui vengono trasmesse in diretta testuale le discussioni di commissioni capitoline, municipali e consigli cittadini.

È completamente accessibile all'indirizzo http://Telegram.me/direttamenteRoma e conta circa 300 iscritti.

A realizzare le dirette è Tommaso Caldarelli, giornalista romano, che costruisce il progetto con un piccolo team; le frasi che seguono sono riportate in presa diretta dalla discussione a cui ilgiornalista assiste di persona. Si tratta di un contenuto di natura giornalistica, espressione del diritto di cronaca di rango costituzionale. Qualsiasi eventuale precisazione, replica e aggiunta è possibile contattando il giornalista su Telegram (@tomcal) o per email (Tommaso.caldarelli@gmail.com)

Contenuto rilasciato in licenza Creative commons 4.0 attribuzione-non commerciale-non opere derivate. 

Se ne fai uso, per favore cita la fonte: Tommaso Caldarelli / #direttamenteRoma






Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti