Stazione Piramide: “Degrado diffuso tra scarsa manutenzione e sicurezza”


Stazione Piramide: “Degrado diffuso tra scarsa manutenzione e sicurezza”


Che il trasporto pubblico a Roma sia uno dei più carenti d’Italia è un dato di fatto, se poi ci mettiamo anche la fatiscenza in cui versano le fermate degli autobus e delle metropolitane il cerchio è chiuso



Tra scarsa manutenzione e quasi totale assenza di vigilanza, i cittadini si trovano ogni giorno in un girone dantesco dove la sicurezza diventa una chimera. Una situazione indecente che sembra non trovare soluzione.

“Ultima in ordine di tempo è la stazione della metropolitana linea B di Piramide, zona Ostiense, dove ci sono giunte diverse segnalazioni da parte degli utenti che denunciano una situazione al limite tra borseggi, persone che scavalcano i tornelli senza pagare il biglietto, nomadi che approfittando della vetustà delle macchine emettitrici di biglietti e rubano banconote e monete dalle casse delle macchinette, questuanti extracomunitari che sostano indisturbati nelle zone di transito, uno scenario desolante per i numerosi turisti e romani che si trovano a passare in questo luogo.

Per approfondire: La teoria delle finestre rotte

“Per questo motivo abbiamo presentato un’interrogazione al Sindaco e agli Assessori per farli attivare presso l’Atac affinché provveda a rendere più efficaci le attività di vigilanza dei propri siti aziendali oltre che per far adottare provvedimenti che tutelino cittadini e turisti sul fronte della sicurezza. 

Abbiamo altresì sollecitato delle misure per far si che gli addetti del personale Atac e quelli della Italpol di Roma, la società che si occupa della vigilanza, intervengano in modo più incisivo di fronte a questi episodi di microcriminalità”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

Da Abitare a Roma



Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti