Il bilancio Atac 2018

Il bilancio Atac 2018


Atac ha appena pubblicato il report di produzione di Dicembre 2018. Con questo ultimo report abbiamo provato a fare una stima di quello che potrebbe essere il Bilancio del 2018.



La produzione complessiva (bus, tram ,metro e ferrovie ex-concesse) è stata di circa 147 Milioni di Km, in leggero aumento rispetto al 2017 (+3 MilioniKm), ma sempre molto al di sotto del programmato (-12,7%).

Malgrado il leggero aumento di produzione, gli incassi nel 2018 sono rimasti pressoché invariati, per una questione di “bonus” che ATAC ha percepito in più nel 2017 (e di cui vi parleremo in un prossimo articolo).
Il bilancio Atac 2018

A fronte di un budget di 588 Milioni €, ATAC dovrebbe aver incassato circa 515 Milioni €, con una perdita stimata per mancata produzione di ben -73 Milioni € (inclusivi di una stima di circa 5 Milioni € di penali).

Nel dettaglio, le metropolitane e le ferrovie ex-concesse sono andate abbastanza bene, in miglioramento rispetto al 2017 (tranne la Roma-Viterbo). 

Restano i problemi legati alla regolarità del servizio, in particolare delle frequenze di passaggio dei convogli.



Passando agli autobus e ai tram, le cose vanno molto male. Per quanto riguarda gli autobus, nel concordato si era prospettato un aumento del +3% della produzione su gomma per un totale di 84,1 Milioni di km. 

In realtà la produzione è calata del -2,4% e si è fermata a soli 77,5 Milioni di km, pari a solo l’81,7% del programmato (-18,3%). 

Con questi risultati, appare incomprensibile l’assunzione di nuovi autisti. È invece essenziale l’arrivo urgente di almeno 300 nuovi autobus nel 2019 per garantire un minimo di servizio. 

Per adesso ne sono arrivati solo 38 a noleggio.

Di Mercurio Viaggiatore uno che mal sopporta la falsa manipolazione dei dati, per cui li analizza e li presenta in modo semplice e chiaro, spesso mostrando che il re è nudo. Per informazioni o segnalazioni mercurio@odisseaquotidiana.com


Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News







Commenti