Atac, pericolo scampato?


Paolo Simioni - Atac, pericolo scampato?


Raramente ho fatto un post di pura politica, ma dagli eventi che si stanno consumando in questi giorni dipende il futuro dell'Atac. Nelle scorse settimane infatti Paolo Simioni AD di Atac è stato in predicato di prendere il comando di Fincantieri. Al momento il pericolo pare scongiurato.



Un post squisitamente politico in un blog di trasporto pubblico potrebbe essere fuori luogo, ma purtroppo nell'Italia di oggi, ogni cosa è legata a doppio filo con la politica.

Nelle ultime settimane, infatti, Paolo Simioni, attuale AD di Atac è stato accostato con forza alla successione di Giuseppe Bono, attuale AD di Fincantieri, in particolare si leggeva che fossero proprio i pentastellati a volerlo al comando dell'Azienda triestina.

Al momento questo pericolo parrebbe scongiurato, dato che sembra che si stiano battendo altre strade e soprattutto il Ministero del Tesoro, a cui spetta l'ultima parola, vorrebbe mutare l'assetto societario.

Ma a noi utenti del Trasporto pubblico di Roma interessa che il futuro a medio termine dell'attuale AD Atac, sia legato ancora all'azienda di trasporto capitolina, per due motivi: il primo e più importante è che, di fatto, l'attuale numero uno di Via Prenestina è il garante del difficile percorso del Concordato e venendo a mancare lui, il colpo sarebbe durissimo.

Il secondo è che, a prescindere dal Concordato, un'Azienda di queste dimensioni ha bisogno di tutto, tranne che di cambiare management molto frequentemente. Si perdono i punti di riferimento e questo non è un bene.

Stando così le cose è mia opinione che la situazione rimanga immutata.




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti