Il modo sbagliato di comunicare Roma



Se c'è una cosa che non giustifico a quest giunta, è l'arroganza, passi per la poca conoscenza della macchina pubblica e delle procedure, ma la gestione con cui vendono "venduti" i successi veri o presunti è senza mezzi termini sbagliata.


Passi per la Sindaca, che spesso scivola su questo punto, probabilmente per dare più enfasi alle cose fatte e, diciamola tutta, a Virginia Raggi si può perdonare.


Di certo non si perdonano ne il modo, ne i toni da tifoso di calcio di Giuliano Pacetti, che mi dicono essere vicecapogruppo vicario del M5S - poco più che un consigliere normale - al riguardo dei bus appena presentati venerdì mattina al Gianicolo.


Non credo di aver mai visto tweet peggiori, a parte i selfie di Salvini che mangia (ma li perchè il mio colesterolo sale di 10 punti a ogni foto) e mi chiedo come possa un Consigliere del Comune scrivere "Il PD rosica". 

Io posso scrivere Buongiornouncazzo la mattina su twitter, ma io non sono nessuno, questo è un membro del Comune, non è uno qualsiasi. Rosica lo vai a dire al bar, non fai una dichiarazione pubblica. Perchè twitter è una dichiarazione pubblica.


Ci vuole anche un minimo di formalità e rispetto per l'ufficio che rappresenti, non si sta parlando tra amici davanti ad un bicchiere, perchè ogni tweet è una comunicazione formale fatta dal Consiglio, lui è il Consiglio. Ed il Consiglio non dice Rosica. 

Queste persone che gestiscono Roma devono capire che non sono più tra il pubblico del VaffaDay, non devono fomentare la base, non devono provocare l'opposizione - ammesso che ce ne sia una - devono gestire Roma.

Il mio tweet non è sterile polemica, ma un invito ad essere un po' più professionale.

Spero che serva




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti