Carta qualità ferrovie ex concesse, incontro con la Regione


Carta qualità ferrovie ex concesse, incontro con la Regione


Venerdì 8 febbraio si è tenuto l’incontro tra Regione, Atac, i comitati Roma-Nord, Roma-Lido e Roma-Giardinetti, l’osservatorio regionale dei trasporti che aveva per tema la nuova Carta della Qualità dei Servizi per le tre ferrovie regionali gestite da Atac.



“All’inizio della discussione – ha riferito in una nota il Comitato pendolari ferrovia Roma Nord – i Comitati della Triplice intesa fanno presente di essere interessati solo al risultato finale del lavoro, cioè una prima e ben fatta Carta dei servizi, senza intenzioni di creare inutili discussioni per la difesa di singoli orticelli di competenze. 

I Comitati dichiarano di non aver alcun interesse a partecipare alla divisione delle somme destinate ai rimborsi, per eventuali attività di monitoraggio, previste al punto 6 dell’art.21 del Contratto di servizio Regione-Atac. 

Questa è la carta dei servizi 2018 di Atac

I Comitati chiariscono anche di non essere interessati a partecipare ad attività di conciliazione degli interessi e dei diritti dei singoli utenti e consumatori, che prevedano siano gli stessi utenti a dover corrispondere diritti per i servizi resi dalle Associazioni o chiedano quote associative”.

E ancora: “La triplice non è coinvolta direttamente nel processo e vuole accorciare i tempi proprio per dare ai pendolari delle ferrovie coinvolte la prima Carta dei servizi per le nostre tre ferrovie, che manca da ben 6 anni nella versione ridotta e mischiata con quella del TPL di Roma. 

Una Carta per la Roma Lido, Roma Nord e Roma Giardinetti , che fissi i metri e i centimetri che i servizi devono avere, che permetta di misurare a tutti (pendolari e passeggeri) qualità e quantità dei servizi promessi da Atac e per i quali riceve 85 milioni di euro all’anno dalla Regione e circa 38 da biglietti e abbonamenti. Dopo 4 anni di proposte da parte della Triplice, sarebbe anche ora, dopo anni di “nulla””.

“La Triplice ribadisce che non intende “lavorare a vuoto” visto che i pendolari sono anche consumatori e quindi chiede di capire come lavorare in maniera sinergica e “convergente” con le associazioni dei consumatori, senza duplicazioni. 

Non si ha il tempo e la voglia di fare lavoro inutile. La Triplice chiede infine di comprendere i “razionali” che sono alla base degli indicatori proposti sulla bozza di carta in visione durante la riunione, poiché sono fondamentali per fare delle proposte sensate”.

“A questo punto – termina il Comitato – si procede a fare una sintesi degli interventi e la TRIPLICE avanza la richiesta di avere l’ultima versione del documento in bozza della Carta dei servizi 2019 per poterci lavorare e riproporre le modifiche richieste entro qualche settimana, per poi rivedersi al tavolo per fare la sintesi, essendo tutti preliminarmente a conoscenza anche le proposte delle associazioni sul tavolo parallelo”.

Da Terzo Binario





Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti