Conca D'Oro, un classico esempio della teoria delle finestre rotte


Lo stato attuale della Stazione Conca D'Oro, inaugurata nel Giugno 2012. Ringraziamo tutte le amministrazioni succedute per l'interesse mostrato.



Conca d'Oro è una fermata della Linea B1 della metropolitana di Roma. Si trova in piazza Conca d'Oro, nel quartiere Monte Sacro, e, fino all'apertura della stazione Jonio è stato il Capolinea della Metro B1.

La stazione è strutturata su tre livelli e una grande piazza ipogea. Il primo livello si trova ad otto metri dal piano stradale: da qui si scende all'atrio della stazione per poi raggiungere le banchine dei treni, poste sullo stesso livello, a 20 metri sotto il piano stradale.

Questa foto di Piamola a Ride, ma già qualche tempo fa Diario Romano si era occupato della situazione, parlandone di un classico esempio della teoria delle finestre rotte.

Era l'agosto del 2018

Abbiamo parlato altre volte della tremenda situazione della fermata metro Conca d’Oro: un grande piazzale attrezzato a verde che potrebbe essere un luogo di ritrovo e di svago e invece è preda della peggiore feccia di Roma, quella che sporca e distrugge ogni cosa.

Una consigliera municipale di Fratelli d’Italia, Giordana Petrella, ha contato più di 500 bottiglie di vetro lasciate in terra dopo una notte di bagordi e ha inviato le foto al Campidoglio e al neo presidente del 3°, Giovanni Caudo. 

La Petrella accusa il Comune di aver emesso l’ordinanza anti alcool scegliendo vie a casaccio e lasciando dunque che piazza di Conca d’Oro venga occupata dagli ubriaconi della movida...




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Infatti la teoria delle finestre rotte fu quella in base alla quale il sindaco di New York di diversi anni fa, Giuliani (di origine italiana...) impostò la politica della "Tolleranza Zero", basata sul far rispettare, anche con severità se necessario, tutte le più piccole norme di pubblica sicurezza, a cominciare ad esempio a non tollerare più l'evasione tariffaria in metropolitana, i graffiti sui treni, e così via. Quello ci vorrebbe qua. Ma chi te lo fa?!