La Metro C è morta?


Linda Meleo - Metro C


La terza metropolitana di Roma si fermerà al Colosseo, almeno fino al 2030, questa è l’essenza di quanto emerso nella Commissione Mobilità tenutasi oggi ai Fori Imperiali

La costruenda tratta T3

L’appuntamento di oggi è stato molto partecipato, non solo dai consueti comitati cittadini, ma anche da esponenti delle commissioni trasporti della Regione e della Camera dei Deputati.

Nella prima parte dell’incontro abbiamo potuto visitare i cantieri della stazione Fori Imperiali/Colosseo e il pozzo di aerazione Celimontana. 

Su Colosseo i lavori procedono principalmente dal lato dell’Anfiteatro Flavio, con la predisposizione del ponte che sovrattraverserà la linea B, collegando la banchina direzione Laurentina alla C. 

Per quanto concerne la stazione si sta procedendo con il completamento della soletta di copertura, nella quale sarà praticato un foro per procedere con lo scavo top-down: fattivamente nel mese di dicembre la viabilità sarà riorganizzata per permettere la configurazione definitiva del cantiere.



A causa della costruzione del ponticello di collegamento, quasi certamente la linea B dovrà essere chiusa come analogamente accaduto con la metro A qualche anno fa: tempi e modalità saranno definite dalla stazione appaltante, Roma Metropolitane, di concerto con Atac.

Sembrerà quasi un assurdo, ma il cantiere che porta maggiore ritardo (e che conseguentemente “detta” il cronoprogramma) è quello della stazione Amba Aradam/Ipponio a causa dell’importante variante archeologica subìta in corso d’opera.

Complessivamente quindi i lavori della tratta T3 sono al 38%, anche se c’è da considerare che il rischio archeologico è sostanzialmente superato data la profondità raggiunta da tutti gli scavi: si corre, dunque.



Ad oggi è previsto un primo step di attivazione del pozzo di Sannio, per permettere l’inversione dei treni dopo San Giovanni, il cui fine lavori è fissato al 2020; per la linea T3 comprendenti le stazioni Amba Aradam/Ipponio e Fori Imperiali/Colosseo è confermato il 2022.


La project review della tratta T2 Fori Imperiali/Colosseo – Ottaviano San Pietro

Come anticipatoci in maniera informale dall’assessore Meleo, alla Camera dei Deputati si è presentato un emendamento alla legge di stabilità con uno stanziamento di 55 milioni di euro, di cui 31 destinati alla revisione di progetto e 24 per l’acquisto di un ulteriore treno (che si aggiungerà ai 4 già finanziati dal precedente governo Gentiloni e andando così a ripristinare i 5 convogli previsti per l’attivazione della T3). Da segnalare anche 42 milioni di euro per le metropolitane A e B, che si aggiungeranno ai 425,52 già stanziati. Dalla project review è previsto che si esca entro due anni con uno studio di fattibilità, come previsto dal nuovo codice degli appalti.


Il problema del contratto

Il contratto è stato di fatto il protagonista della discussione sul futuro della tratta, vincolato a doppio filo non tanto dalle condizioni tecniche delle talpe quanto dai carteggi in essere. 

Metro C scpa ha ribadito l’opportunità di arrivare con le talpe meccaniche a piazza Venezia, anche costruendo la stazione solo a rustico, per evitare costose modalità di scavo tradizionale nel cuore di Roma.

Roma Metropolitane, pur concordando dal punto di vista tecnico, ha sottolineato le complicazioni contrattuali che si avrebbero portando l’opera oltre i limiti previsti dal contratto in essere. Senza inoltre un progetto esecutivo della tratta T2, che dovrà inevitabilmente recepire l’esperienza acquisita con la San Giovanni-Pantano, con un tale vincolo planimetrico e altimetrico si rischia di generare ulteriori extracosti ben superiori ad una semplice attestazione delle talpe sotto via dei Fori Imperiali. 

Occorre ricordare infatti che ad oggi i due progetti della stazione Venezia hanno un costo stimato per 900 milioni di euro nella versione “terminale” e 700 milioni di euro per la versione “passante”.

Per risolvere parzialmente il problema di tombamento delle talpe è stata studiata una variante d’opera che prevede l’abbassamento delle gallerie sotto via dei Fori Imperiali oltre la stazione Colosseo.


Una bella commissione, ma doveva essere fatta due anni fa

Non abbiamo che potuto apprezzare l’ampia partecipazione istituzionale e la voglia di fare che la parte politica ha espresso nella sua interezza, al di là della fede partitica: resta il grosso rammarico dei due anni di amministrazione andati persi

Altresì bisogna constatare la totale inerzia dell’amministrazione circa il futuro della società Roma Metropolitane che martedì 27 sciopereranno contro la possibile liquidazione: non è assolutamente possibile e accettabile che il Comune di Roma si privi del suo braccio operativo sul futuro delle infrastrutture, specialmente in un momento delicato come questo.



Intendiamoci, in questi due anni bisogna riconoscere comunque il lavoro che è stato propedeutico per il PUMS e per sbloccare i cantieri di altre opere (quali la filovia Laurentina, per citare un esempio), ma Roma Metropolitane e la metro C avrebbero dovuto meritare un capitolo completamente dedicato.

Considerando quindi almeno un anno abbondante di project review, i tempi di una gara (che saranno piuttosto lunghi, visto che parliamo di scavare nel cuore della Città Eterna)e la realizzazione anche considerando  l’esperienza acquisita con la tratta precedente, è ragionevole pensare che la metropolitana non sarà finita prima del 2030.


Facciamo con la T2 anche la T1 e la C2

Questa è la richiesta provenuta dall’opposizione che è stata sposata in sede di commissione anche dalla maggioranza. Se i cantieri si apriranno tardi per la T2, facciamo almeno in modo che si costruisca tutto e subito fino all’Ospedale Sant’Andrea e Tor di Quinto.


Da Sferragliamenti dalla Casilina



Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News


Commenti